Ivano Granata

Milano "rossa"

Ascesa e declino del socialismo (1919-1926)

Informazioni
Collana: Storia di storie
2018, 226 pp.
ISBN: 9788857544014
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Nel 1919 Milano era ritenuta una delle città più “rosse” d’Italia. I socialisti, che dal 1914 reggevano l’Amministrazione comunale e che nel 1920 avrebbero conquistato pure quella provinciale, erano senza dubbio la forza politica più rilevante. Vista l’importanza del capoluogo lombardo, sembrava che il ruolo da loro esercitato potesse addirittura ripercuotersi positivamente sull’intera politica nazionale. Nel 1922, invece, furono i fascisti a diventare la forza egemone di Milano, con conseguenze drammatiche anche per il resto del paese. Eppure le elezioni politiche dell’aprile 1924 avrebbero dimostrato che a Milano l’antifascismo godeva ancora di un vasto consenso, soprattutto grazie all’azione decisiva e fattiva dei socialisti. Proprio però le divisioni interne del socialismo, con la contrapposizione tra le sue due “anime”, la massimalista e la riformista, impedirono, purtroppo, di trovare contro il governo di Mussolini una strategia comune efficace e decretarono la sconfitta della libertà e del socialismo medesimo. Dopo la Liberazione, tuttavia, Milano fu capace di ritrovare la sua identità democratica e così il Partito Socialista, di nuovo primo partito cittadino nelle elezioni del 1946, poté costituire per lungo tempo l’asse centrale della politica ambrosiana.

Ivano Granata insegna Storia dell’Italia contemporanea e Storia dei partiti politici presso l’Università degli Studi di Milano. Ha indirizzato la sua attività di ricerca con numerosi saggi e libri in particolare verso le tematiche del fascismo, del socialismo e del sindacalismo. La sua ultima pubblicazione è il volume L’“Omnibus” di Leo Longanesi. Politica e cultura (aprile 1937-gennaio 1939) (Milano, 2016).

Recensioni

Jacopo Perazzoli - Rivista storica del socialismo
"Ivano Granata, Milano Rossa"
Leggi la recensione