Enrico Mauro

I pesci e il pavone

Contro la valutazione meritocratica della ricerca scientica

Informazioni
Collana: Eterotopie
2017, 122 pp.
ISBN: 9788857545080
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La riforma universitaria del 2010, che in nome della meritocrazia ha preteso di rendere l’università più efficiente e trasparente, ha partorito sostanzialmente una maggiore e più autoritaria confusione amministrativa e, in spregio alla Costituzione, una minore libertà di ricerca scientifica e di insegnamento. Il ricercatore universitario è sempre più un cacciatore di fondi e sempre meno uno studioso, sempre più un compilatore di moduli e sempre meno un insegnante, sempre più un amministrativo e sempre meno un… ricercatore. La valutazione della ricerca diventa misurazione, sicché la qualità diventa quantità. Il tempo del ricercatore diventa, come quello dell’imprenditore, denaro, quello che lo Stato non ritiene saggio investire in ricerca e in istruzione. E il denaro diventa l’oggetto di continue e sempre più barocche gare fra ricercatori, gruppi, dipartimenti, atenei, sicché le virtù dell’integrità morale e della collaborazione cedono il posto a virtù ‘atletiche’, ‘agonistiche’. Ma non andrebbe dimenticato che «agonismo» e «agonia» hanno l’etimo greco in comune…

Enrico Mauro (1977), ricercatore confermato di Diritto amministrativo presso il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento. Già autore dei volumi: Note in tema di diritto amministrativo paritario (2007) e Studi su Giorgio Berti (2014).