Viviana Segreto

La sovranità dell’Uno

Filosofia politica della grecita?

Informazioni
Collana: Eterotopie
2018, 200 pp.
ISBN: 9788857545851
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Le categorie fondative della filosofia politica risalgono alla Grecità, spazio di emergenza della comunità politica e tempo di elaborazione dei concetti più pregnanti di comprensione, anche per la modernità. Soggetto, comunità, sovranità, politica, costituiscono termini di un lessico che è stato costruito nella classicità greca e che si è tramandato nei secoli, beninteso con profonde trasformazioni e rotture cui diamo il nome di modernità. E tuttavia questi concetti si legano nel corso del tempo tramite un fil rouge cui è possibile dare il nome di Uno, di Unità, che ancor oggi significano la ragione politica e la grammatica stessa della convivenza organizzata in uno spazio condiviso da differenti. Pluralità e differenza hanno subito, sin nella Grecità, una torsione riduttiva che questa ricerca prova a tirare fuori dall’oblio, sempre interessato, cui sono state relegate nei secoli. Esse rappresentano una sorta di rimosso che tuttavia riemerge sempre sulla scena della politica, costituendo un blocco concettuale ancora da affrontare per eludere la morsa dell’Uno sovrano, tesa ad escluderle.

Viviana Segreto è ricercatrice in Filosofia politica presso il Dipartimento di Culture e società dell’Università di Palermo, dove insegna Filosofia sociale. Con queste edizioni ha già pubblicato Il padre di tutte le cose (2011) e Linguaggio, comunità, contingenza. Wittgenstein e la filosofia politica (2016). Gli ultimi suoi lavori sono Teoria politica e lo spazio greco dell’alterità, “InTrasformazione”, 2, 2017 e Towards a Genealogy of the Gender Space of Politics, “Soft Power”, 7, 1/2017.