Biografie sospese

Un’esplorazione dei luoghi densamente disabitati della Lombardia

€ 24,00

Biografie sospese

Un’esplorazione dei luoghi densamente disabitati della Lombardia

Informazioni
A cura di: Fulvio Adobati; Emanuele Garda

Collana: Kosmos
2018, 242 pp.
ISBN: 9788857546001
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Borghi in rovina, fabbriche dai recinti violati, grandi architetture ospedaliere, edifici residenziali, cantieri interrotti: nel tempo l’abbandono dei luoghi ha generato una tassonomia la cui diversità pare oggi inarrestabile. Tale varietà, che costituisce il principio dal quale si intende partire e soffermarsi con le riflessioni contenute in questo volume, coincide sia con la naturale eterogeneità di questi spazi sia con le differenti ragioni che nel tempo li hanno condotti verso la dismissione. Il progetto biografie sospese si confronta con il complesso tema dell’abbandono, attraverso una esplorazione fotografica di alcuni luoghi inutilizzati presenti sul territorio lombardo, utilizzando la carica emozionale della fotografia nel richiamare paesaggi molteplici e nel favorire una interpretazione/dialogo con lo sguardo del fotografo. La lettura densa di questi luoghi si presta a riflessioni intorno alle pratiche che li hanno percorsi e che li potrebbero rianimare entro un disegno di recupero dei manufatti e di rigenerazione dei contesti urbani.

Fulvio Adobati ricercatore di Urbanistica, docente di Culture e politiche territoriali e di Composizione Urbana all’Università degli Studi di Bergamo, ha operato entro gruppi di ricerca del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi di Milano e svolge attività di ricerca e ricerca applicata presso il CST Centro di ricerca sul territorio “Lelio Pagani” nel campo delle politiche e degli strumenti di Pianificazione/Programmazione del territorio. Referente per l’Università degli Studi di Bergamo della rete europea UNISCAPE. Dal 2015 è Prorettore delegato dell’Università degli Studi di Bergamo per i rapporti con enti e istituzioni pubbliche del territorio.

Emanuele Garda laureato in urbanistica e dottore di ricerca in Progetti e Politiche Urbane, opera da numerosi anni come consulente e progettista per pubbliche amministrazioni e società private. Ha collaborato a ricerche con il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano e con il CST Centro di ricerca sul territorio “Lelio Pagani” dell’Università degli Studi di Bergamo. È professore a contratto presso l’Università degli Studi di Milano, il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino. Cofondatore e responsabile operativo del Laboratorio permanente sui luoghi dell’abbandono (Università degli Studi di Milano).