Mimmo Pesare

Il soggetto barrato

Per una psicopedagogia di orientamento lacaniano

Informazioni
Collana: Bíos
2017, 160 pp.
ISBN: 9788857546285
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00  € 15,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo libro propone il tentativo di ospitare, all’interno dello statuto epistemologico delle discipline pedagogiche, alcuni elementi dell’opera di Jacques Lacan, psicoanalista francese che non ha mai dedicato in maniera esplicita lavori programmatici a tali discipline, ma il cui sistema di pensiero possiede un gradiente profondamente pedagogico.
Seguendo questa idea, tutto l’insegnamento di Lacan potrebbe essere pensato come una grande teoria del soggetto e dei processi di soggettivazione, ossia dei modi e dei dispositivi attraverso i quali si produce la formazione dell’uomo. Così come il soggetto della pedagogia, il soggetto lacaniano è il prodotto degli incontri che si fanno nel corso della vita: è costitutivamente fabbricato dalla parola dell’altro e determinato per sempre dalla divisione tra la struttura linguistica e culturale, in cui è immerso da prima di nascere, e il proprio irriducibile mondo interiore. La soggettività, per Lacan, non può ricucire la scissione tra il pensiero e l’essere perché essa stessa coincide con tale scissione, come una cicatrice che mantiene uniti due lembi di tessuto, mostrandone, però, la divisione. In questo senso, una psicopedagogia di orientamento lacaniano aspira ad aprire un ragionamento su come l’urgenza del carattere singolare e irripetibile della formazione possa essere letto con l’aiuto di strumenti psicodinamici che hanno fondamentalmente a che fare con alcuni dei tratti caratteristici di tale teoria del soggetto.

Mimmo Pesare, ricercatore confermato di Pedagogia Generale e Sociale all’Università del Salento, è titolare dell’insegnamento di Psicopedagogia del Linguaggio presso il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione e Coordinatore Scientifico del Centro di Ricerca Laboratorio di Studi Lacaniani, del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo. La sua attività di ricerca e i suoi scritti ruotano attorno alla questione del soggetto nelle discipline psicopedagogiche e al rapporto tra la psicopedagogia, la psicoanalisi e la filosofia dell’educazione. Insieme a Giuseppe Annacontini dirige BÍOS. Collana di epistemi pedagogiche (Mimesis Edizioni). Tra le sue ultime pubblicazioni scientifiche, la curatela del libro Comunicare Lacan. Attualità del pensiero lacaniano per le scienze sociali (con M. Recalcati, M. Fiumanò, B. Moroncini, R. Ronchi et al.; Milano - Udine) e le monografie Jacques Lacan spiegato dai Massimo Volume (Lecce); Le metafore della Umbildung Vol.1 (Lecce); Abitare ed Esistenza. Paideia dello spazio antropologico (Milano - Udine), vincitore del Premio Italiano di Pedagogia SIPED 2014; La dimora dei luoghi. Saggi sull’abitare tra filosofia e scienze sociali (Lecce).