Andrea Candela

Storia ambientale dell'energia nucleare

Gli anni della contestazione

Informazioni
Collana: Centro Internazionale Insubrico
2017, 340 pp.
ISBN: 9788857546384
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 24,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

L’energia nucleare e le relative applicazioni tanto militari quanto civili, da oltre mezzo secolo, circoscrivono uno dei temi più controversi e dibattuti del confronto scientifico, politico e culturale. Una contesa di lunga durata dalle intonazioni spesso aggressive, che schiusasi tragicamente con l’evento “periodizzante” delle Atomiche su Hiroshima e Nagasaki, ha accompagnato senza alcuna soluzione di continuità l’intera fase della Guerra fredda, estendendosi fino alle soglie del nuovo millennio e oltre.
Sulla base di un’ampia documentazione archivistica e rifacendosi ai criteri della storia ambientale, il libro ne ripercorre soprattutto le vicende che hanno punteggiato la complessa stagione del Sessantotto e dei successivi anni Settanta: un periodo storico animato da forti conflitti e violente contestazioni, ma anche dalla piena maturazione, nonché larga diffusione, delle scienze ecologiche. Lo studio, con particolare attenzione al contesto italiano, si sofferma sull’insieme delle criticità geo-ambientali storicamente sollevate dalle applicazioni industriali della tecnologia nucleare. L’accento cade su una fase della “controversia atomica” non ancora inquinata dai drammatici incidenti di ?ernobyl’ e Fukushima, svelando tuttavia il complesso di contraddizioni e fratture che già agitavano comunità scientifica e società civile.

Andrea Candela (Varese, 1976) è dottore di ricerca in Storia della scienza (Università degli Studi di Bari). Dal 2007 al 2014, è stato assegnista di ricerca e titolare dell’insegnamento di Comunicazione della scienza all’Università degli Studi dell’Insubria (Varese-Como). Ha successivamente svolto attività di ricerca all’estero, presso l’American Institute of Physics (Niels Bohr Library and Archives, College Park, Maryland) e l’Australian Academy of Science (Canberra, Australia). Da quest’ultima istituzione ha ricevuto il Moran Award for History of Science Research (2015) per un progetto di ricerca su sfruttamento dei depositi di uranio in Australia e confl itti ambientali. I risultati dello studio sono stati pubblicati nel saggio: Sorting out nuclear concerns: The Australian uranium debate from Jervis Bay to Ringwood’s Synroc («Earth Sciences History», 2017). L’indagine ha inoltre consentito di approfondire alcune problematiche storiche che hanno coinvolto la delicata questione dello smaltimento dei rifiuti radioattivi. Dal 2008 è membro dell’International Commission on the History of Geological Sciences (INHIGEO). Tra le sue pubblicazioni: Alle origini della Terra. I vulcani, le Alpi e la storia della natura nell’età del viaggio scientifico (2009); Dal sogno degli alchimisti agli incubi di Frankenstein. La scienza e il suo immaginario nei mass media (2013).