Enrico Manicardi

Nostra nemica civilta?

Frammenti di resistenza anarchica alla civilizzazione

Informazioni
Traduzione di: Silvia Paglia, Guido Dalla Casa, Marco Pessotto, Suzanne Marie Foster, Alberto Prunetti, Alberto Angelini

Collana: Eterotopie
2018, 388 pp.
ISBN: 9788857547145
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Per metterci nelle condizioni di evitare l’incombente disastro ambientale e sociale, non basta riformare un mondo strutturalmente votato all’autodistruzione. Occorre attuare una svolta radicale che, in aperto contrasto con tutto ciò che diamo per scontato (dalla cultura alla scienza, dalla tecnologia alla medicina), rovesci il paradigma millenario della domesticazione portato dalla civiltà e ci rimetta in una relazione diretta, egualitaria, armoniosa con la Terra. John Zerzan e Enrico Manicardi, anarchici primitivisti e anti-civilizzazione, qui eccezionalmente riuniti in un’opera dall’ampio respiro intellettuale e rivolta a tutti, la pensano così. Questo libro, che è una raccolta di loro saggi, articoli e interviste, un preziosissimo compendio di analisi altrimenti introvabili, affronta i temi attualmente più scottanti: il dramma eco-sociale in atto e la questione delle sue cause, l’invasione tecnologica e la virata verso l’era dell’autismo, l’inganno della sostenibilità e la sua critica (alla Sinistra e al movimento “alternativo” in genere), il distanziamento indotto dalla cultura simbolica, il postmodernismo, gli attacchi del Potere Sanitario all’individuo e la Scientocrazia prossima ventura. Che ci piaccia o no, la civiltà definisce e ridefinisce ogni interazione umana con l’ambiente e con gli altri: la sterilizza, la estirpa dal suo naturale contesto e poi la riproduce nella forma surrogata del gadget o del servizio, facendoci credere che nel cambio ci abbiamo guadagnato. Ma c’è un prezzo. Un prezzo enorme di cui nessuno parla e che tuttavia cresce giorno dopo giorno immiserendo la nostra vita: si chiama senso di vuoto, isolamento, sofferenza esistenziale, cinismo, morte della Natura. Non vi è alcuna propensione catastrofista nel prendere atto della preoccupante situazione in essere, né altra attitudine pessimistica o profezia di sventura; solo onesta consapevolezza critica ricca di generosa tensione liberatoria. Cominciare a riflettere su come siamo arrivati fino a questo punto è fondamentale. Prima che sia troppo tardi!

John Zerzan (1943). Definito dal “New York Times” «l’anarchico più importante del nostro tempo», è uno dei più stimati filosofi contemporanei. Teorico del primitivismo anarchico, fa parte da sempre della scena ecologista radicale americana. Vive in Oregon (USA). Da quasi vent’anni conduce un programma radiofonico settimanale (AnarchyRadio) in cui esprime le sue idee anti-civ e si confronta con gli ascoltatori. Scrive saggi dalla fine degli anni Settanta. In italiano ne sono stati tradotti e pubblicati diversi, tra cui: Futuro primitivo (2001); Dizionario primitivista (2004); Primitivo attuale (2004); Senza via di scampo? Riflessioni sulla fine del mondo (2007); Pensare primitivo (2010); Il crepuscolo delle Macchine (2012).

Enrico Manicardi (1966). Avvocato, attivista radicale, divulgatore delle teorie e della pratica anarchica di anti-civilizzazione, è un ammirato conferenziere e ideatore di progetti politici e sociali anti-autoritari. Organizza da anni incontri e momenti di confronto sulla critica anarchica alla civilizzazione. Conosciuto nel panorama intellettuale italiano per le sue idee radicali, è stato scherzosamente chiamato in causa anche da Stefano Benni nel suo ultimo romanzo. Vive in Italia, ed è lo stimato autore di Liberi dalla civiltà (2010), opera pubblicata anche in lingua inglese (Free from civilization, 2012) e de L’ultima era (2012).

Recensioni

Laura Pescatori - Navdanya (Radio Onda d'Urto), 21 febbraio 2019
"Nostra nemica civiltà"
Ascolta l'intervista

Francesco Borgonovo - La Verita?, 30 maggio 2018
"Primitivi in lotta contro la civilta? divenuta schiava dalla tecnologia"
Leggi la recensione