Paola Cotta Ramusino

Dire la rivoluzione

Lessico e fraseologia nel decennio postrivoluzionario

Informazioni
Collana: Eterotopie
2018, 102 pp.
ISBN: 9788857547336
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

L’anniversario dei cento anni trascorsi dal 1917 impone, tra le altre, anche una riflessione su quanto avvenne alla lingua russa dopo l’Ottobre. Molto è stato scritto sulla lingua sovietica, la cosiddetta langue de bois, nella sua fase matura, a partire dagli anni ’30.
Solo negli ultimi anni la riflessione sta tornando agli albori di questo processo, ovvero al decennio postrivoluzionario, grazie alla ripubblicazione di studi per decenni rimasti nelle sezioni speciali delle biblioteche e quindi scarsamente o per nulla accessibili al pubblico. Questo volume vuole contribuire a spiegare, con lo sguardo e gli strumenti della linguistica contemporanea, le trasformazioni, soprattutto di carattere lessicale e fraseologico, che hanno investito la lingua russa all’indomani della Rivoluzione, mostrando, sullo sfondo dell’intenso dibattito linguistico e culturale di quel decennio, come la lingua di Tolstoj e C?echov sia diventata la lingua dei Soviet.

Paola Cotta Ramusino è Professore associato presso l’Università degli Studi di Milano. Si è laureata all’Università di Pavia e ha conseguito il dottorato in Slavistica presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Si è occupata del XVII secolo, in prospettiva critico-filologica. Attualmente, i suoi interessi di ricerca si collocano nell’ambito della linguistica russa e slava, con particolare attenzione alla morfosintassi, al lessico e alla fraseologia.