Luca Marchetti

Il futuro dell'arte

Hans Belting e Peter Osborne

Informazioni
Collana: Forme del possibile. Estetica, arte, letteratura
2018, 112 pp.
ISBN: 9788857548470
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Interrogarsi sul futuro dell’arte signifi ca non solo interrogarsi sulla continuità o sulla discontinuità tra arte moderna e arte contemporanea, ma anche ripensare il nesso tra arte e storia. È possibile un’arte senza storia? Quale sarebbe il suo orizzonte? Il mondo dell’arte è ormai un eterno presente o è piuttosto qualcosa di passato?
A partire da questi interrogativi il volume prova a ripensare lo stato dell’arte contemporanea alla luce delle tesi di Hans Belting e Peter Osborne. Se il primo ci presenta un’arte ipermoderna non ancora in grado di superare le categorie della modernità e più radicalmente ci segnala che l’epoca dell’arte si sta esaurendo, in Osborne invece la tesi che tutta l’arte contemporanea sia arte postconcettuale mira a preservare il valore dell’arte all’interno della società e a pensare il passaggio dal moderno al contemporaneo come una continuità nella discontinuità.

Luca Marchetti insegna Estetica all’Università di Roma Sapienza. Si occupa del rapporto tra estetica, epistemologia e arte. Tra le sue pubblicazioni: Arte ed estetica in Nelson Goodman (2006); Oltre l’immagine. Rappresentazione e filosofia in Wittgenstein e Rorty (2009); Oggetti semi-opachi. Sulla filosofia dell’arte di Arthur C. Danto (2009); Il corpo dell’immagine. Percezione e rappresentazione in Wittgenstein e Wollheim (2012).