Melanie Klein

Weaning

Lo svezzamento come conflitto

Informazioni
A cura di: Giacomo Clemente
Postfazione di: Adriano Voltolin

Collana: Eterotopie
2018, 78 pp.
ISBN: 9788857550824
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 6,00  € 5,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il testo sullo svezzamento che qui viene presentato fu esposto da Melanie Klein nell’ambito di una serie di lezioni aperte al pubblico alla Caxton Hall di Londra nel febbraio del 1936. Scritto un anno dopo il celebre A Contribution to the Psychogenesis of Manic-Depressive States, in cui Klein precisa dal punto di vista teorico e clinico la “posizione depressiva”, il saggio sullo svezzamento ha per oggetto quelle che si potrebbero descrivere come delle strategie di contenimento delle angosce depressive del bambino, dettate dalla sensazione di aver perso per sempre l’oggetto amato interiorizzato e dal senso di colpa per averlo fantasticamente distrutto assimilandolo.
Strategie difensive la cui funzionalità, tuttavia, deve essere costantemente affiancata dalla consapevolezza che, come la Klein avverte, “le frustrazioni giungono fino a un punto impossibile da evitare e le angosce fondamentali che ho descritto non possono essere in ogni caso completamente sradicate”.

Melanie Klein nasce a Vienna nel 1882, compie una prima analisi con Sándor Ferenczi ed una seconda con Karl Abraham. Comincia a lavorare con i bambini ancora prima del suo trasferimento in Inghilterra, nel 1926, dove i tratti innovativi del suo pensiero portano lei e i suoi allievi a un duro confronto con Anna Freud e con una parte della British Psychoanalytical Society. Molti sono i testi che ci ha lasciato: tra i più importanti si ricordano Note su alcuni meccanismi schizoidiInvidia e gratitudineIl nostro mondo adulto. Muore a Londra nel settembre del 1960.

Giacomo Clemente ha studiato presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove collabora con la cattedra di Storia della filosofia. Svolge attività di ricerca presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, dove collabora anche all’organizzazione del Corso di perfezionamento in Teoria Critica della Società. I suoi campi di ricerca ruotano attorno all’idealismo tedesco, alla filosofia francese e alla psicoanalisi.

Recensioni

Gioele P. Cima - PSU (Psicoterapia e Scienze Umane), 2019 - Volume 53
"Weaning. Lo svezzamento come conflitto"
Leggi la recensione