Pablo Calzeroni

Narcisismo digitale

Critica dell’intelligenza collettiva nell’era del capitalismo della sorveglianza

Informazioni
Collana: Quaderni di Teoria Critica della Società
2019, 144 pp.
ISBN: 9788857550916
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
 Ebook - ePub/Mobi  € 6,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Qualche decennio fa pensavamo che la Rete ci avrebbe portato oltre i limiti della cultura di massa, verso un’intelligenza collettiva fondata sulla circolazione orizzontale e democratica del sapere. Quell’utopia si è sgretolata di fronte a una serie inquietante di misfatti e miserie umane: fake news, spionaggio, odio e paranoie complottiste. Se dovessimo cercare una razionalità nella connettività digitale, dovremmo rivolgere l’attenzione all’apparato tecnico che supporta il business dei Big-data. Un sistema che capitalizza il malessere del soggetto contemporaneo, il suo isolamento, le sue derive narcisistiche, il suo dinamismo sregolato sotto il comando del godimento. È possibile spostare i mezzi tecnologici verso altri fini? Oppure, per sfuggire all’alienazione, sarebbe meglio disconnettersi? E se invece scoprissimo, attraverso gli strumenti critici della filosofia e della psicoanalisi novecentesca, che la questione centrale riguarda proprio la nostra incapacità di creare una dimensione sociale comune?

Pablo Calzeroni (Giussano, 1974) si è laureato in Filosofia teoretica all’Università degli Studi di Milano con una tesi sul rapporto tra le strutture dell’intelligenza e le tecnologie della connettività. Dopo aver iniziato a lavorare nell’ambito dell’editoria multimediale nel gruppo Rcs, è entrato nella redazione del quotidiano “Il Secolo XIX”, diventando giornalista professionista nel 2008.

Recensioni

Salvatore Vento - Conquiste del lavoro, 16 settembre 2020
"Ricostruire la socialita?"
Leggi la recensione

Eugenia Lentini - A Rivista Anarchica, maggio 2020
"I media e noi" 
Leggi la recensione

Paolo Rumiz - La Repubblica, 27 marzo 2020
"I miei nipotini amati su Skype"
Leggi la recensione

Pablo Calzeroni - lavoroculturale.org, 13 marzo 2020
“Narcisismo digitale”
Leggi l’estratto

Giuliano Galletta - Il Secolo XIX, 3 marzo 2020
"La Rete capovolta, uno strumento di liberta? diventato specchio del nostro narcisismo", su "Narcisimo digitale" di Calzeroni
Leggi la recensione

Biagio Carrano - limmateriale.net, 2 febbraio 2020
"Socialità e influencers"
Leggi la recensione

Gioacchino Toni - carmillaonline.com, 21 gennaio 2020
"Nemico (e) immaginario. Desoggettivazione ed immaginario antisociale"
Leggi la recensione