Laboratorio Italia. Canoni e contraddizioni del Made in Italy

Informazioni
A cura di: Malvina Borgherini; Sara Marini; Angela Mengoni; Annalisa Sacchi; Alessandra Vaccari

Collana: Quaderni della ricerca - IUAV
2018, 384 pp.
ISBN: 9788857554501
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00  € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Come tutte le etichette identitarie anche quella di Made in Italy riflette, sin dalla sua formulazione in una lingua straniera, la prospettiva di uno sguardo esterno che coglie e condensa i tratti di un’identità non immune da stereotipie nazionalistiche e da definizioni illusoriamente autoevidenti. Il volume raccoglie una pluralità di contributi che riconoscono, oggi, nelle forme del progetto italiano un’idea peculiare di modernità e un legame specifico con le forme dell’esperienza storica. Particolare attenzione è rivolta sia agli orizzonti di riflessione che hanno recentemente problematizzato la questione dei tratti identitari del pensiero e del patrimonio culturale e umanistico “italiano”, sia ai modi di produzione e ai modelli di sviluppo che il Made in Italy ha implementato, e alle contraddizioni e conseguenze economiche, politiche e culturali di tali modelli.
Questa indagine non trova la sua pertinenza e coerenza in una definizione esclusivamente territoriale, settoriale o nazionale del Made in Italy, ma intende scardinare questa definizione aproblematica per interrogarsi sui tratti paradigmatici che i diversi ambiti del progetto inteso nella pluralità delle sue culture – dalla moda alle arti, dall’architettura e dal design alla riflessione filosofica, dalle arti performative alla gestione del patrimonio – hanno elaborato in ambito italiano. Il laboratorio Italia, nutrito dalla pluralità delle sue culture del progetto, ribadisce così la non separazione delle pratiche e delle teorie e afferma anzi la loro costitutiva coalescenza, nella convinzione che gli oggetti, i progetti, le opere “pensino” attraverso la specificità delle proprie forme e che le elaborazioni teoriche siano inseparabili dall’immanenza dei propri oggetti di riflessione, dei propri modelli e delle proprie procedure di pensiero.

Daniele Balicco Alberto Bassi Marco Bertozzi Malvina Borgherini Fiorella Bulegato Christian Caliandro Elda Danese Federico Deambrosis Alessandro De Magistris Elena Fava Francesco Federici Marta Franceschini Fabrizio Gay Dario Gentili Luigi Latini Carmelo Marabello Sara Marini Angela Mengoni Valerio Paolo Mosco Enrico Pitozzi Marco Pogacnik Annalisa Sacchi Manuela Soldi Stefano Tomassini Alessandra Vaccari