Hannah Arendt

La lingua materna

La condizione umana e il pensiero plurale

Informazioni
A cura di: Alessandro Dal Lago

Collana: Biblioteca
1993, 88 pp.
ISBN: 9788857556338
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00  € 9,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La condizione umana è soggetta a continui mutamenti, spesso tragici, e l’unica possibilità inventiva consiste nella capacità di provare stupore, nel porre domande in un atto di solidarietà tra esseri umani.
In questo saggio, accompagnato da un’intervista concessa dall’autrice alla televisione tedesca nel 1964, Hannah Arendt affronta i temi più vicini alla sua indagine filosofica: dal totalitarismo alle trasformazioni che hanno sconvolto gli assetti mondiali nel corso dell’età contemporanea, dalla questione dell’esilio e dell’identità di un popolo fino a giungere alla lingua tedesca, vera e propria patria del linguaggio con la quale Arendt intrattiene un legame inestirpabile.

Hannah Arendt (Hannover 1906 - New York 1975) è stata una delle massime pensatrici politiche del Novecento. Tra le sue opere: La banalità del male (1964), Vita activa (1964), Le origini del totalitarismo (1967), Tra passato e futuro (1970), La vita della mente (1987). In catalogo per Mimesis: Verità e umanità (2015, con Karl Jaspers), Humanitas mundi (2015), Per un’etica della responsabilità (2017).

Recensioni

Anna Li Vigni - Il Sole 24 Ore, 8 marzo 2020
"Il coraggio di parlare nella lingua materna"
Leggi la recensione

Attilio Scarpellini - Qui Comincia (Radio Tre), 4 settembre 2019
"La lingua materna di Hannah Arendt"
Ascolta la puntata

Alberto Leiss - il manifesto, 6 agosto 2019
"Contro i razzismi «relazioni dettagliate»"
Leggi la recensione

Gabriele Ottaviani - convenzionali.wordpress.it, 9 luglio 2019
"La lingua materna"
Leggi la recensione