Elisa Morselli

Case Study Houses

La percezione dello spazio vissuto tra tecnica e narrazione

Informazioni
Collana: Architettura
2020, 110 pp.
ISBN: 9788857556963
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Il Case Study Houses Program, promosso a Los Angeles dalla rivista “Arts & Architecture” tra il 1945 e il 1966, rappresenta il più importante esperimento architettonico sul tema della residenza unifamiliare. Questa definizione è sufficiente? Il Case Study Houses costituisce il più grande esperimento di architettura fotografata per scopi pubblicitari. I reportage eseguiti da Julius Shulman non si limitano a fornire una documentazione “meccanica” dei trentasei progetti. Essi sono espressione diretta dell’epoca a cui si riferiscono, in termini di cultura dello spazio e di stile di vita. Muovendo da queste considerazioni, il volume analizza una selezione di fotografie di J. S. indagando gli aspetti percettivi ed emotivi generati sugli osservatori. L’inserimento di personaggi in movimento, il controllo della luce e della prospettiva, sono gli strumenti tecnici adottati da Shulman per narrare lo spazio ammaliando il pubblico. Il funzionamento delle immagini è spiegato applicando le teorie della psicologia dell’arte, dell’estetica e della neuroestetica.

Elisa Morselli (1984) è architetto e dottore di ricerca in Architettura, Teorie e Progetto. Si è formata scientificamente presso l’Università de “La Sapienza” di Roma e la Newcastle University (UK). Si occupa di decifrare le immagini fi gurative del progetto di architettura, seguendo l’approccio neofenomenologico dell’estetica contemporanea tedesca. Al momento lavora a una ricerca dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” coordinata da Stefano Catucci.