Jurij Michailovi? Lotman

Semiotica del cinema e lineamenti di cine-estetica

Informazioni
A cura di: Luciano Ponzio
Traduzione di: Luciano Ponzio
Presentazione di: Luciano Ponzio

Collana: Cinema
2020, 192 pp.
ISBN: 9788857561219
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

L’opera filmica, in quanto opera artistica, richiede che ci si discosti dal “cronotopo quotidiano”, in favore del “cronotopo letterario”, stabilendo un nuovo ordine di concatenazione e un nuovo sistema di rapporti, per conferire alla passiva e statica realtà una drammatica e dinamica effi cacia capace di esprimere una particolare concezione del mondo. Lotman, nella sua descrizione del testo cinematografi co, fa frequentemente uso del termine musicale “polifonia” e dell’aggettivo “polifonico”, impiegato anche da Bachtin, in riferimento alla scrittura letteraria e in particolare al “romanzo polifonico” di Dostoevskij. “Polifonia” è anche un concetto centrale nella ricerca teorica e creativa di Ejzenštejn. Polifonia drammaturgica, separazione e rottura dei nessi passivi e realistici, congiungimento di cose solitamente separate e distinte: tutto questo è collegato con ciò che Ejzenštejn chiama Ex-stasis, per indicare, nel fi lm, un modello dinamico e temporale di passaggi e commutazioni da un registro espressivo a un altro (dall’immagine alla musica al colore).

Jurij Michailovi? Lotman è sicuramente uno dei più importanti rappresentanti della semiotica. Ne ha allargato gli orizzonti di studio soprattutto in riferimento all’arte e alla cultura. Insieme ad altri studiosi dell’Università di Tartu, ha esteso il concetto di sistema segnico all’arte, alla cultura, alla religione, al mito. A partire dagli anni ’60, i suoi lavori sulla semiotica spaziano dalla poetica all’arte in generale, alla letteratura, alla poesia, al cinema, cioè a tutto ciò che oggi, da un punto di vista strutturale, può defi nirsi testo, dal latino textus, cioè sistema di segni, rete, trama, tela, scrittura, e di cui il testo artistico costituisce il paradigma del concetto di modellazione.

Luciano Ponzio insegna Semiotica del testo e Semiotica del cinema nel Dipartimento di Studi Umanistici della Facoltà di Lettere e Filosofia, Lingue e Beni Culturali dell’Università del Salento, Lecce. Per Mimesis ha pubblicato: Differimenti. Annotazioni per un nuovo spostamento artistico (2005), L’iconauta e l’artesto. Configurazioni della scrittura iconica (2010), Roman Jakobson e i fondamenti della semiotica (2015), Icona e raffi gurazione. Bachtin, Malevi?, Chagall (2016).

Recensioni

Dario Cecchi - Fata Morgana, 9 luglio 2020
"La forma cinema"
Leggi la recensione

Amedeo Anelli - Il Cittadino, 14 maggio 2020
"La semiotica di Lotman, perche? il cinema diventa arte ma assomiglia "solo" al mondo"
Leggi la recensione

Lorenzo Peroni, ArtsLife, 3 aprile 2020
“Lotman e la semiotica, lineamenti di cine-estetica: «il cinema ci parla»”
Leggi la recensione

Valentina Parisi - Antinomie, 1 aprile 2020
“Lotman va al cinema”
Leggi la recensione

Lorenzo Peroni - artslife.com, 3 marzo 2020
‘Lotman e la semiotica, lineamenti di cine-estetica: “il cinema ci parla”’
Leggi la recensione

Mary Sellani - Il Quotidiano di Foggia, 26 febbraio 2020
"Semiotica del cinema e lineamenti di cine-estetica"
Leggi la recensione

Gabriele Ottaviani - convenzionali.wordpress.it, 24 febbraio 2020
"Semiotica del cinema e lineamenti di cine-estetica"
Leggi la recensione