Cesare Cavalleri

Sintomi di un contesto

Informazioni
Collana: A lume spento
2019, 120 pp.
ISBN: 9788857562865
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00  € 9,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Non si sa che cosa ammirare per primo in questi versi che vengono da un vicino passato e, finalmente, raggiungono con immutata freschezza il lettore di oggi (il Quando & come del ritardo lo spiega l’autore stesso in apertura). Si potrebbero innanzitutto invocare nobili ascendenze: Eliot, espressamente citato, ma anche, nell’uso ironico e a tratti accorato dell’apostrofe, il Montale delle Occasioni, sfiorando certe cadenze di Aldo Borlenghi. Si potrebbe, e non sarebbe del tutto sbagliato. Ma a un esame più attento e lasciandoli poi, come si deve, decantare nella memoria, ci si accorge che la malia di cui questi versi sono portatori risiede in gran parte nell’uso parco (Cavalleri è un letterato accorto e dunque ritroso) degli “strumenti umani”. Ma non è solo il garbo, ormai raro, di chi maneggia sicuro l’arte della versificazione, bensì la visionaria contenutezza delle immagini che non disdegna di scendere nel capriccio linguistico del Limerick. Per finire al passo d’addio struggente ed enigmatico: “Se me ne sono andato, me ne vado/è perché non ho smesso/neppure per un momento di amarti” in cui sono racchiusi gli umori acri, ironici e melanconici di una poetica consapevole del dono e meno offuscata da oscuri tormenti. (Bruno Nacci)

Cesare Cavalleri (Treviglio, 1936) da più di mezzo secolo dirige “Studi cattolici” e le Edizioni Ares. Collabora con “Avvenire” fin dal primo numero (4 dicembre 1968). Il suo itinerario, non solo professionale, è raccontato nella lunga intervista raccolta da Jacopo Guerriero col titolo Per vivere meglio. Cattolicesimo, cultura, editoria (Brescia, 2018).

Recensioni

Maria Tosca Finazzi, L'Eco di Bergamo, 15 luglio 2021
"Cavalleri. 'Io, ironico, fortunato, fedele da sessant'anni scrivo quello che penso'"
Leggi la recensione

Davide Brullo - il Giornale, 9 luglio 2020
La poesia (nascosta) di Cavalleri
Leggi la recensione

Bruno Nacci - Studi Cattolici, dicembre 2020
"Poesie sintomatiche di Cavalleri"
Leggi la recensione

Luca Mastrantonio - 7 - Corriere della Sera, 20 dicembre 2019
"Pagarsi il cornetto con la lap dance"
Leggi la recensione

Silvia Stucchi - Libero, 27 dicembre 2019
"Il critico piu? temuto pubblica le sue liriche"
Leggi la recensione

Bruno Nacci - Studi Cattolici, N° 706 - dicembre 2019
"Poesie sintomatiche di Cavalleri"
Leggi la recensione

Curzia Ferrari - Il Giornale di Brescia, 16 dicembre 2019
"Cavalleri, poesie giovanili come nocciolo di coerenza di dignita?"
Leggi la recensione

Vincenzo Guarracino - Avvenire, 1 dicembre 2019
"Cavalleri, poesie fra etica e fedelta?"
Leggi la recensione