Jean Laplanche

Vita e morte in psicoanalisi

1979

Informazioni
A cura di: Alberto Luchetti

Collana: Laplanchiana
2020, 204 pp.
ISBN: 9788857567686
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Vita e morte: due riferimenti fondamentali nella teoria psicoanalitica, talvolta perfino eclatanti – si pensi al grande dualismo mitico delle pulsioni di vita e delle pulsioni di morte –, ma molto più indiretti o occultati nella clinica e nella pratica. L’ordine vitale non può essere definito unicamente in funzione della frontiera epistemologica che lo separa dal campo specifico della psicoanalisi: è infatti presente anche all’interno di quest’ultimo, nel senso che vi si fa rappresentare. Il problema è allora quello della trasposizione e derivazione, al tempo stesso concettuale e reale, di alcune entità psicoanalitiche – la sessualità, l’Io, il sadomasochismo – a partire dall’ordine vitale. Le approfondite trattazioni qui proposte, già nel 1970, su questi tre temi e su narcisismo e pulsione di morte, sono le tappe di una ricerca sulla problematica della psicoanalisi, che è una rimessa in discussione tanto dell’opera freudiana quanto dell’esperienza clinica, nella loro stringente attualità.

Jean Laplanche (1924-2012), agrégé di filosofia, psichiatra, psicoanalista, è stato tra i fondatori dell’Association Psychanalytique de France e professore alla Sorbona (Università Parigi VII). Direttore scientifico delle Œuvres complètes de Freud – Psychanalyse, di collane psicoanalitiche e della rivista “Psychanalyse à l’université”, è autore di molti importanti contributi e numerosi libri, tra i quali, con J.-B. Pontalis, la fondamentale Enciclopedia della psicoanalisi (1968).

Recensioni

Davide d'Alessandro - psychiatryonline.it, 20 novembre 2020
"Libri e lettini. La psicoanalisi tra le righe"
Leggi l'estratto