Vincenzo La Via

Coscienza e libertà

Rosmini e l’assoluto realismo. Saggi rosminiani e altri scritti - Volume I

Informazioni
A cura di: Biagio Giuseppe Muscherà

Collana: La Nuova Rosminiana
2020, 440 pp.
ISBN: 9788857567969
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00  € 26,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 19,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Il tema di fondo del pensiero di La Via è il contenuto sorgivo della speculazione fi losofi ca; contenuto dal quale scaturisce e al quale si rifà come a un punto di luce, che non può patire limitazione perché è l’inesausta sorgente di quella chiarità di cui s’illumina l’inarrestabile procedere del pensiero speculativo. Questo incoercibile punto di luce è l’autentico universale teoretico: non l’universale teorizzato, ma l’universale in virtù del quale si teorizza. Esso comprende l’intera problematica dell’io: investe il conoscere e il pensare dell’io, insieme all’esserci e al determinarsi dell’io nella conoscenza e nel pensiero, e dunque riguarda l’io conoscente e cosciente, come anche l’io reale, libero, volente e agente.

Vincenzo La Via (28 gennaio 1895 - 31 luglio 1982) allievo di Bernardino Varisco, Giacomo Barzellotti e Giovanni Gentile, dopo aver insegnato filosofia e storia in diversi licei e rivestito numerosi incarichi presso le Università di Genova e di Urbino, divenne professore ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Magistero e la Facoltà di Lettere e Filosofia di Messina. Fu il fondatore della rivista “Teoresi”, che divenne un luogo d’incontro e di cultura per diversi intellettuali e allievi. Tra le sue numerosissime pubblicazioni si ricorda per importanza L’idealismo attuale di Giovanni Gentile (1925); Il problema della fondazione della filosofia e l’oggettivismo antico dalle origini ad Aristotele (1936); La risoluzione dell’idealismo nel realismo assoluto (1938); Dall’idealismo al realismo assoluto (1941); Pedagogia attualistica e crisi dell’immanentismo (1958); Blondel e la logica dell’azione (1964); L’idealismo e il conoscere fondante (1965); La restaurazione rosminiana della filosofia (1966); Coscienza e metafisica (1966); I fondamenti teoretici dell’educazione (1968); Blondel e la questione totale (1969).

Biagio Giuseppe Muscherà insegna Storia della filosofia moderna e contemporanea presso la Facoltà Teologica interprovinciale Laurentianum di Milano; è direttore della sezione Laviana della Cattedra Rosmini. Fra le sue pubblicazioni si ricordano: Ontologia del desiderio in Pietro Prini (2005); Antonio Rosmini. Scritti di politica giovanile (2007); Fra verità e bellezza. La funzione morale dell’arte nell’estetica di Rosmini (2008); Oltre l’interiorità. Rosmini e l’invenzione del linguaggio (2014); Manzoni filosofo. L’invenzione della parola. In dialogo con Antonio Rosmini (2019).