Infirmitas sexus

Ricerche sugli stereotipi di genere in prospettiva multidisciplinare

€ 18,00  € 17,10

Infirmitas sexus

Ricerche sugli stereotipi di genere in prospettiva multidisciplinare

Informazioni
A cura di: Paola Biavaschi ; Paolo Bozzato ; Paolo Nitti

Collana: Quaderni di expressio
2020, 220 pp.
ISBN: 9788857570662
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Gli stereotipi di genere nascono come insieme di credenze – condivise all’interno di un gruppo sociale – che ammettono l’esistenza di differenze tra maschi e femmine sul piano delle connotazioni fisiche, delle abilità, dei tratti della personalità, delle attività e dei ruoli. Lo scopo di questa raccolta è di presentare degli studi scientifici sugli stereotipi di genere a partire dalla loro genesi e strutturazione nell’infanzia fino al loro emergere nel linguaggio quotidiano, nell’educazione, nei mezzi di comunicazione di massa e nelle scelte professionali, seguendo anche un itinerario storico dall’antichità fino all’attualità del diritto. La raccolta muove dalla considerazione che lo studio di tali stereotipi e della conseguente deriva del sessismo, sebbene abbia avuto inizio con la sociologia e la psicologia sociale di ambito nordamericano, valichi oggi i confini di un gran numero di discipline, risultando pertanto multidisciplinare. I saggi del volume possono offrire un prezioso aiuto a coloro che operano nel settore sociale e nella comunicazione – ma anche al pubblico di vasta scala – per aumentare la consapevolezza del fenomeno e delle sue conseguenze potenzialmente rischiose.

Paola Biavaschi, laureata in Giurisprudenza e in Lettere classiche all’Università degli Studi di Milano, ha conseguito il PhD in Diritto romano e diritti dell’antichità all’Università degli Studi di Padova. È docente di Fondamenti del diritto, di Mondo classico tra diritto e sistemi comunicativi e di Diritto e deontologia dell’informazione all’Università degli Studi dell’Insubria e direttrice dei progetti “Comunicare Interagire con i Minori” (CIM) e “Comunicazione, Educazione, Diritti” (CED), che operano nell’ambito dell’educazione alla parità di genere.

Paolo Bozzato, psicologo e psicoterapeuta, è docente a contratto di Psicologia dello sviluppo e della comunicazione all’Università degli Studi dell’Insubria, nei corsi di alta formazione dei progetti “Comunicare e Interagire con i Minori” (CIM) e “Comunicazione, Educazione e Diritti” (CED) e nel corso di perfezionamento “La costruzione della mente multiculturale”. È membro del Centro di ricerca sui Fenomeni Linguistici e Culturali (CRiFLi) e del collegio dei revisori per la rivista scientifica internazionale “Brain Sciences”. Già consigliere dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, è autore di articoli scientifici e delle monografie A scuola con la mente e il cuore (2017) e La pratica psicopedagogica (2017).

Paolo Nitti, PhD in Diritto e scienze umane all’Università degli Studi dell’Insubria, insegna Didattica della lingua italiana e Linguistica educativa in diversi atenei italiani. I suoi principali ambiti di ricerca riguardano gli usi sessisti della lingua e l’acquisizione e l’insegnamento dell’italiano e della lettoscrittura. Dal 2018 è il coordinatore del Master di I livello in Nuova didattica delle lingue per l’Università e-Campus. Membro attivo della Società di Linguistica Italiana (SLI) e della Società Italiana di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa (DILLE), dal 2015 è il responsabile scientifico del Centro Interculturale della Città di Torino. Dal 2019 è direttore della rivista “Lingua e testi di oggi” e vicedirettore della rivista “Scuola e Didattica”.