Quirino Camerlengo

Natura e potere

Una rilettura dei processi di legittimazione politica

Informazioni
Collana: Mimesis
2020, 126 pp.
ISBN: 9788857571690
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Una fiducia cieca e sfrenata nel progresso scientifico e tecnologico ha assecondato l’istinto predatorio dell’uomo con effetti nefasti sul rapporto con la natura. Cambiamenti climatici, inquinamento globale, deforestazioni, sperimentazioni fuori controllo: “la società attuale sta danneggiando il pianeta a livelli tali da superare le sue capacità di auto-risanamento” (M. Bookchin). Un potere inadeguato ad affrontare le sfide del futuro ha favorito questa insaziabile pretesa di dominio sulla natura: legislatori accondiscendenti, amministrazioni distratte, giudici sin troppo prudenti hanno avallato decisioni per molti versi irreversibili. È venuto il momento, quindi, di una ridefinizione radicale della stessa legittimazione del potere: dal popolo alla natura. Solo un’inedita base di giustificazione può costringere il potere a fare i conti con un problema ambientale sempre più vitale, percorrendo con coraggio la via maestra di un nuovo “contratto naturale” (M. Serres).

Quirino Camerlengo è ordinario di Diritto costituzionale all’Università degli Studi di Pavia. Ha scritto libri e saggi su vari temi: dalla teoria generale alle fonti del diritto, dall’organizzazione costituzionale al sistema delle garanzie, dalle autonomie territoriali all’eguaglianza e ai diritti fondamentali. È stato Assistente di studio alla Corte costituzionale. Con Mimesis ha pubblicato Virtù costituzionali (2017).