Sotto queste forme quasi infinite

La narrazione tra Letteratura, Filosofia, Teatro e Cinema

Informazioni
A cura di: Francesca Cecconi ; Caterina Diotto ; Paola Zeni

Collana: Eterotopie
2021, 194 pp.
ISBN: 9788857572505
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 12,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Sotto queste forme quasi infinite, espressione di Roland Barthes presa in prestito per titolare la presente raccolta di saggi dedicati al tema della narrazione, equivale a una dichiarazione d’intenti: gli studi qui riuniti – accomunati da un’aspirazione euristica, analitica e investigativa di ampio raggio nel campo della narrazione – sono stati selezionati puntando all’eterogeneità delle discipline, delle metodologie e delle forme narrative indagate. Si accostano così fra loro saggi di letteratura, filosofia, teatro, cinema: dal confronto fra le specifiche narratologie e dal dialogo fra i metodi di ricerca emerge un panorama composito, fervido, che proprio nella dimensione interdisciplinare trova occasione di essere restituito nella propria complessità.

Francesca Cecconi è dottoranda in Scienze dello Spettacolo presso l’Università di Verona. Si occupa di Teatro di figura, Teatro di ricerca, Fotografia di scena e di fondi e archivi legati al mondo delle figure. È attualmente docente di Teatro di figura presso l’Accademia di Belle Arti di Verona. Collabora con LIMEN (Centro Ricerche Interdisciplinari sul Fantastico nelle Arti dello Spettacolo) presso il Dipartimento di Culture e Civiltà dell’Università di Verona.

Caterina Diotto è dottoranda di ricerca in Filosofia Estetica all’Università di Verona. Si occupa di teoria della narrazione, teoria del romanzo e pensiero della differenza sessuale. I suoi pensatori e le sue pensatrici di riferimento sono Walter Benjamin, Michail Bachtin, Simone Weil, Luisa Muraro e Hannah Arendt. Fa parte della comunità filosofica “Diotima” di Verona, della Società Italiana di Estetica e dell’Associazione Italiana Walter Benjamin.

Paola Zeni è dottoranda in Cinema presso l’Università di Verona. Il suo progetto di ricerca mira a descrivere il contributo performativo e divistico delle attrici Luisa Ferida e Lilia Silvi all’interno del panorama cinematografico del Ventennio. Collabora con LIMEN (Centro Ricerche Interdisciplinari sul Fantastico nelle Arti dello Spettacolo) presso il Dipartimento di Culture e Civiltà dell’Università di Verona.