Luca Grion

Chi ha paura del post-umano?

Vademecum dell’uomo 2.0

Informazioni
Prefazione di: Paolo Benanti

Collana: Filosofie
2021, 256 pp.
ISBN: 9788857574882
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo libro vorrebbe offrire un contributo alla riflessione sul senso umano della tecnica in un tempo in cui quest’ultima è motivo di fervente entusiasmo e, al tempo stesso, di crescenti timori. Più ancora: vorrebbe aiutare a comprendere le ragioni di quanti ritengono che l’impetuosa accelerazione del progresso tecno-scientifico potrà dischiudere una nuova era, nella quale sarà possibile prendere congedo dai limiti e dalle vulnerabilità che caratterizzano l’umanità così come conosciuta sino a ora ed edificarne una nuova e migliore. È questo, infatti, l’obiettivo del movimento post-umanista, un arcipelago variegato di sigle e di autori accomunati dalla fiducia nel valore emancipatore della tecnica e nella possibilità, grazie a essa, di costruire una nuova umanità.

Luca Grion è professore associato di Filosofia morale all’Università degli Studi di Udine e presidente dell’Istituto Jacques Maritain di Trieste. È direttore della SPES – Scuola di Politica ed Etica Sociale e dirige, assieme a Giovanni Grandi, “Anthropologica. Annuario di studi filosofici”. Da alcuni anni collabora con “La Repubblica dei runner”, in cui tiene una rubrica dedicata all’etica dello sport. Maggiori informazioni sulle sue attività sono disponibili on line all’indirizzo www.lucagrion.it. Per Mimesis ha già pubblicato: Persi nel labirinto. Etica e antropologia alla prova del naturalismo (2012) e La filosofia del running spiegata a passo di corsa (2019).

Recensioni

La Vita Cattolica, 9 giugno 2021, "Il libro", su "Chi ha paura del postumano" di Grion 
Leggi la recensione

Giuseppe Trapani, linkiesta.it, 4 maggio 2021
“Chi ha paura del post-umano?”
Leggi la recensione

Andrea Lavazza, Avvenire, 8 aprile 2021
"Le promesse del post-umano, via di fuga (illusoria) dalla nostra imperfezione"
Leggi la recensione