Eros e dialettica in Platone

Informazioni
A cura di: Aldo Brancacci
Introduzione di: Aldo Brancacci

Collana: Ricercare
2021, 248 pp.
ISBN: 9788857575018
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 13,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Questo volume raccoglie, per la prima volta, tutti gli studi dedicati da Guido Calogero a Platone. Cronologicamente compresi tra il 1928 e il 1981, essi delineano i caratteri di una storiografia pienamente europea per l’ampiezza dei loro riferimenti, ma anche di una storiografia propriamente italiana, che trae anche dalla sua propria tradizione filosofica le ragioni del suo impegno. Calogero ha colto per primo in maniera compiuta il valore di eros come motore della filosofia platonica. Ha tematizzato come centrale il rapporto, complesso e ricco di tensioni, con Socrate. Ha compreso le ragioni e l’importanza teorica del confronto critico di Platone con le filosofie del suo tempo. Nell’analisi della dialettica platonica egli ne ha distinto con lucidità varie forme. Quella d’ascendenza socratica che dai dialoghi giovanili si prolunga e fa sentire la sua presenza, fino alle opere più tarde; quella, schiettamente platonica, e più vicina per i suoi caratteri teorici alla dialettica moderna, del Simposio; quella virtuosisticamente ironica e polemica, antimegarica e antizenoniana, del Parmenide; quella, teorizzata, della relazione tra le idee rappresentata in particolare dal Sofista. Se quest’ultima è il legato più prezioso che Platone trasmette ad Aristotele, e se la terza è una fonte teorica, recepita in forma creativa, del neoplatonismo, non c’è dubbio che, per Calogero, le prime due costituiscono le forme supreme e non transeunti della dialettica in filosofia. 

Guido Calogero (1904-1986), filosofo, storico della filosofia antica di fama internazionale, professore di Storia della filosofia all’Università e alla Scuola Normale di Pisa, di Filosofia teoretica all’Università di Roma, professore invitato nelle Università di Montréal, Princeton, Bruxelles e in molte altre università statunitensi, presidente dell’Institut International de Philosophie, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra, Accademico dei Lincei, fu personalità eminente della cultura e della vita civile italiana del Novecento. La sua opera di interprete del pensiero antico è affidata a tre libri fondamentali: I fondamenti della logica aristotelica (Firenze 1927); Studi sull’eleatismo (Roma 1932); Storia della logica antica. L’età arcaica (Bari 1967). 

Aldo Brancacci è professore ordinario di Storia della filosofia antica alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata.