Alain Supiot

La sovranità del limite

Giustizia, lavoro e ambiente nell’orizzonte della mondializzazione

Informazioni
A cura di: Andrea Allamprese ; Luca d’Ambrosio
Postfazione di: Ota De Leonardis

Collana: Mutamenti. Società e culture in transizione
2020, 216 pp.
ISBN: 9788857575759
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Mai come durante la pandemia globale di Covid-19 abbiamo sperimentato il potere originario e ineliminabile del limite. Per evitare che le società umane si scontrino con la catastrofe, tracciata dagli studi sui cambiamenti climatici e sulla perdita della biodiversità, ma anche dalle disuguaglianze sociali che non cessano di aumentare, il limite deve tornare a essere “sovrano”: è infatti solo a tale condizione che sarà possibile garantire società ancora umane e un mondo ancora vivibile. Ma dinanzi a un Mercato ormai totale, il diritto può ancora esercitare queste sue funzioni? E a quali condizioni esso può correggere l’ideologia no limits della globalizzazione? E riaffermare le esigenze di giustizia sociale e ambientale che quest’ultima ha messo ai margini del proprio progetto? Il presente volume vuole fornire, con Alain Supiot, qualche elemento per rispondere a questi interrogativi.

Alain Supiot è professore emerito del Collège de France, dove è stato titolare della cattedra État social et mondialisation: analyse juridique des solidarités (Stato sociale e mondializzazione: analisi giuridica delle solidarietà) dal 2012 al 2019. Membro della Commissione mondiale sul futuro del lavoro istituita nel 2017 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro, Alain Supiot è dottore honoris causa delle università di Leuven (2003), Salonicco (2017), Liegi (2019) e Buenos Aires (2019). Andrea Allamprese è giurista e professore associato all’Università di Modena e Reggio Emilia. Luca d’Ambrosio è giurista e ricercatore associato all’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ota De Leonardis è sociologa, già professoressa ordinaria all’Università Milano-Bicocca.

Recensioni

Il Manifesto, 01/12/2021
Il lavoro mutante
Leggi la recensione 

Questionegiustizia.it, 18/09/2021
Il limite come paradigma del diritto e le sfide della contemporaneità
Leggi la recensione 

L'indice dei libri del mese, 04/09/2021
Sotto il governo del Mercato totale
Leggi la recensione 

Avvenire, 03/08/2021
Senza coscienza del limite non c'è diritto nè giustizia
Leggi la recensione 

Mauro Cascio - vocerepubblicana.it, 10 giugno 2021
"La sovranità del limite. La questione della giustizia in Alain Supiot"
Leggi la recensione

Salvo Leonardi, sinistrasindacale.it, 31 maggio 2021
"Diritto, lavoro e globalizzazione nelle tesi di Alain Supiot"
Leggi la recensione

Giuseppe Bronzini, Il Manifesto, 27 aprile 2021
"I significati perduti della lingua dei diritti"
Leggi la recensione

Alessandro Bonetti - Il Fatto Quotidiano, 12 aprile 2021
"La lezione anti-liberista di Supiot: rifondare la globalizzazione su un diritto estraneo al mercato"
Leggi la recensione

Munera, 1/2021
"Segnalibro"
Leggi la recensione