Gian Franco Zanetti

Il cantante della luce

La teoria dei Cinque Elementi applicata al canto lirico. Verso un’Arte oggettiva per l’interprete del futuro

Informazioni
Collana: Mimesis
2021, 166 pp.
ISBN: 9788857576480
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00  € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il saggio consiste in un’analisi su più livelli dello strumento con cui il cantante lirico si esprime, cioè egli stesso. Al di là del lavoro tecnico-vocale, in genere il cantante affronta il canto con un approccio prettamente psichico, basato su vecchi parametri di valutazione di natura istintiva e sentimentale, ignaro delle leggi più ampie che regolano il linguaggio della sua espressione artistica. Crediamo invece sia fondamentale conoscere le coordinate di questo linguaggio per potere esprimere totalmente il potere “magico” del mezzo canoro, capace, come ci racconta da secoli il mito del cantore Orfeo, di disperdere le oscurità del regno delle ombre. La lingua della musica è ben diversa da quella della drammaturgia, sulla quale il compositore costruisce la sua creazione. La drammaturgia tratta di vicende umane e terrene, mentre la musica si pone a un livello superiore, di natura sovra-umana e universale, cioè spirituale. Essa racconta un mondo di luce di cui la condizione umana è un pallido riflesso; abbassare il canto a quel livello, significa zavorrarne le qualità elevate e ridurre enormemente il suo effetto risanante sugli ascoltatori. Il saggio vuole analizzare la dinamica interpretativa dell’interprete lirico affinché egli sia in grado di estrapolare le qualità animiche della partitura, specificando così il suo lavoro nella direzione di un’Opera interiore. In questo modo potrà valersi dell’appellativo di “Cantante della Luce”, ovvero di colui che è in grado di trasmettere quei valori spirituali di cui la musica è ponte e, come un Orfeo contemporaneo, alleviare le precarietà della condizione umana.

Gian Franco Zanetti, laureato al DAMS dell’Università di Bologna in indirizzo “Spettacolo” (1980), ha all’attivo una pluridecennale attività di autore e di regista nel campo del teatro di prosa e musicale, della radiofonia e del mezzo video. Ha scritto in collaborazione con Pier Vittorio Tondelli per il teatro e per il cinema, nonché per Rai RadioTre originali e adattamenti radiofonici da testi di autori della drammaturgia novecentesca. Ha diretto per il teatro di prosa testi classici e contemporanei, e per il teatro lirico varie opere di repertorio, da Monteverdi a Wolf-Ferrari. È stato titolare della cattedra di Arte scenica presso i Conservatori di Musica di Lecce, Siena, Brescia, Padova e Cesena. Ha pubblicato un saggio dedicato all’interpretazione teatrale per attori di prosa e cantanti lirici dal titolo L’arte della scena (2008). Il cantante della Luce è stato realizzato come Master-Class in varie edizioni in Italia e all’Accademia Nazionale di Musica “Jazeps Vitols” di Riga (Lettonia).