Juan Goytisolo

Esiliato di qua e di là

La vita postuma del Mostro del Sentier

Informazioni
A cura di: Massimo Rizzante
Traduzione di: Ferdinando Guadalupi
Postfazione di: Massimo Rizzante

Collana: eLIT
2021, 158 pp.
ISBN: 9788857576916
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Alla fine di Paesaggi dopo la battaglia (1982), il Mostro del Sentier, alter ego grottesco dell’autore e protagonista del romanzo, è vittima di un attentato terroristico. In Esiliato di qua e di là, pubblicato in Spagna nel 2008, il Mostro si ritrova in un bizzarro regno dei morti, l’Aldiquà, un luogo che ha tutte le caratteristiche di un immenso cybercafé. Solitario e annoiato, il nostro eroe decide di abbandonare l’infinito cyberspazio e di visitare di nuovo il mondo dei vivi, l’Aldilà. Il suo scopo principale è tentare di comprendere le ragioni di coloro che lo fecero saltare in aria e di abbracciarne le teorie e la lotta contro il Sistema. Così, grazie al suo computer, si mette in contatto con ogni sorta di gruppuscoli radicali. Nel corso della sua flânerie cibernetica incontra i personaggi più assurdi: una vicina della sua vecchia casa, simile a una pavoncella dalle piume multicolori, che lo invita a una marcia patriottica contro la peste nordafricana; Alicia, imam di giorno e pornocrate di notte; il Monsignore pedofilo; il rabbino rasta; il barbiere idolatra di Forza Italia; una professoressa svedese che sta scrivendo una tesi sulle sue malefatte; un dittatore in ansia per l’unico voto contrario ricevuto alle ultime elezioni... Tutto quello che succede in questo breve e polifonico romanzo di Juan Goytisolo è allo stesso tempo inverosimile e maledettamente reale, tanto che il nostro povero Mostro, alla ricerca dei perché della sua violenta e improvvisa scomparsa, scoprirà alla fine la dura realtà della nostra società turisticizzata e falsamente liberale, dove Sistema e Antisistema vanno a braccetto e anche il terrore è ormai diventato una merce redditizia e spettacolare.

Juan Goytisolo, definito da Carlos Fuentes «il più importante romanziere spagnolo contemporaneo», è nato a Barcellona nel 1931. Oppositore del regime franchista, ha vissuto a Parigi, lavorando come lettore presso la casa editrice Gallimard, poi negli Stati Uniti, dove ha insegnato nelle università di San Diego, New York e Boston, infine a Marrakech. La sua opera romanzesca e saggistica, recentemente raccolta in Spagna dalle edizioni Galaxia Gutenberg, è una delle più significative e anticonformiste della seconda metà del XX secolo. Fra i suoi romanzi più rappresentativi, ricordiamo: Señas de identidad (1966), Reivindición del conde don Julián (1970), Juan sin Tierra (1975), Makbara (1980), Paisajes después de la batalla (1982), Las virtudes del pájaro solitario (1988), La saga de los Marx (1993), El sitio de los sitios (1995), Las semanas del jardín (1997), Carajicomedia (2000), Telón de boca (2003). Le altre opere romanzesche in italiano di Juan Goytisolo sono: Oltre il sipario, traduzione di Chiara Vighi, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli-Roma 2004; Le settimane del giardino, traduzione e note di Glauco Felici, Einaudi, Torino 2004; Karl Marx Show, traduzione di Chiara Vighi, Cargo, Napoli-Roma 2005; Paesaggi dopo la battaglia, traduzione di Francesco Francis, Cargo, Napoli-Roma 2009.

Recensioni

Attilio Scarpellini, Rai Radio 3 - Qui comincia, 23 luglio 2021
“Juan Goytisolo, Esiliato di qua e di là”
Ascolta la puntata

Antonio Carioti - Corriere della Sera, 5 giugno 2017
"Già nel 1982 immaginò la rivolta della banlieu"
Leggi la recensione

Elisabetta Rosaspina - Corriere della Sera, 5 giugno 2017
"Goytisolo, spagnolo senza patria"
Leggi la recensione

Massimo Rizzante - La Repubblica, 5 giugno 2017
"Addio a Juan Goytisolo, il ribelle che credeva nel romanzo"
Leggi la recensione

Paola Del Vecchio - Il Mattino, 5 giugno 2017
"Addio a Goytisolo, l'antifranchista che si fece arabo"
Leggi la recensione

Stefania Vitulli - Il Giornale, 5 giugno 2017
"Goytisolo, scrivere per ribellarsi al franchismo"
Leggi la recensione