Susan Petrilli

Senza ripari

Segni, differenze, estraneità

Informazioni
Collana: Filosofie
2021, 458 pp.
ISBN: 9788857579450
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 30,00  € 28,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La semiotica, la scienza generale dei segni, risulta in questo libro come la prospettiva secondo la quale considerare le cose, quelle che ci riguardano inesorabilmente. E le cose stanno così: non ci sono ripari. Siamo globalmente tutti coinvolti e ciò che ci coinvolge, senza possibilità di sottrarsi, di defilarsi, di esonerarsi, è la vita.
La comunicazione globale, la globalizzazione, ha mostrato in tutti i suoi aspetti e in tutte le sue conseguenze questa situazione inconfutabile: il coinvolgimento di tutti nell’intera vita del pianeta. E, un po’ per volta, si comincia a prenderne atto. Anche se, a livello planetario, si è ancora ben lontani dal rendersene conto del tutto, fino a poterne trarre le dovute conseguenze in una nuova progettazione sociale, ben diversa dall’ideologica dominante.
Coloro che si sono occupati di segni – di lingue, di linguaggi, di culture, di forme sociali, di ideologie, di rapporti interpersonali, di scritture letterarie –, e non solo coloro che hanno direttamente partecipato alla costituzione e allo sviluppo della semiotica come scienza, hanno contribuito a evidenziare quella ineludibile relazione che Emmanuel Levinas ha indicato come etica: l’inestricabile intrico nella relazione con altri, dunque il coinvolgimento della propria vita in quella altrui, l’inevitabilità del dover rispondere dell’altro e all’altro.
In questa situazione “senza ripari”, si tratta effettivamente, come dicono il titolo e il sottotitolo di questo libro, di ripensare e riconsiderare i segni, le differenze, le estraneità.
(Dalla Presentazione di Augusto Ponzio)

Susan Petrilli, 7th Sebeok Fellow della Semiotic Society of America, è Professore ordinario di Filosofia e teoria dei linguaggi all’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Visiting Research Fellow alla University of Adelaide (Australia), Vice-Presidente dell’Associazione Internazionale di Studi Semiotici, consulente scientifico di istituti accademici e di ricerca internazionali, membro del comitato editoriale di riviste italiane e straniere, direttore di collane tra cui “Reflections on Signs and Language” per la casa editrice Peter Lang. Tra i suoi libri Mimesis: Nella vita dei segni (2015); Challenges to Living Together (2017); con Augusto Ponzio, Identità e alterità (2019). Per Mimesis ha curato anche diversi volumi della collana “Athanor”, tra cui: Pace, pacificazione, pacifismo e i loro linguaggi (2017); L’immagine nella parola, nella musica e nella pittura (2018); Diritti umani e diritti altrui (2020); Maestri di segni e costruttori di pace (2021). Tra gli altri suoi libri: Sign Studies and Semioethics (2014); Victoria Welby and the Science of Signs (2015); The Global World and Its Manifold Faces (2016); Signs, Language and Listening (2019); Significare, interpretare e intendere (2019); con A. Ponzio, Dizionario, Enciclopedia, Traduzione (2019); Significs e filosofia del linguaggio (2021).