Sebastiano Bertini

Nel paese dei ciechi

Geografia filosofica dell’Occidente contemporaneo

Informazioni
Collana: Mimesis
2021, 192 pp.
ISBN: 9788857580340
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00  € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Osservando, e vivendo, lo spazio occidentale – le idee che lo riguardano, gli oggetti che lo popolano, le linee di forza che lo attraversano – ci si può render conto, non senza straniamento, di quanto esso sfugga alla nostra vista. Non poi così paradossale, in realtà, che in un’epoca di iper-immagini, i nostri occhi finiscano per essere abbacinati. Da quando la rete si è smaterializzata viviamo in un campo magnetico ultradenso; il comune senso del mondo si costruisce su avvicinamenti vertiginosi: icone, frames discorsivi, interfaccia materiali e virtuali sono continuamente appresso a noi. Per questo, il soggetto, impegnato a districarsi in una selva di eventi spaziali, percepisce irrazionalmente le correnti carsiche che fluiscono al di sotto del mainstream,magari ubriacato dalle lingue tecno-scientifiche che dicono di parlare il reale. Da ciò deriva l’impaccio con cui reagiamo a “iperoggetti” – come li chiama Timothy Morton – vicinissimi e diffusi, a-posizionali e insofferenti alla perimetrazione, come i terrorismi, il cambiamento climatico, le pandemie.