Raimon Panikkar e i modi del pathos

Dialoghi contemporanei

Informazioni
A cura di Maria Roberta Cappellini

Collana: Triquetra
2022, 236 pp.
ISBN: 9788857580548
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 22,00  € 20,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 14,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Si può forse affermare che l’esperienza del dialogo interculturale di cui Panikkar rappresentò un antesignano giunga a collocare la dimensione “imparativa” nell’ambito di una “filosofia del pathos”, quale “pratica di umanizzazione in grado di evolvere in coscienza umanitaria” (Betancourt). Essa costituisce, secondo questo studio, l’aspetto fondamentale della prassi della visione filosofica di Panikkar, inseparabile da quello teorico, inteso in senso contemplativo. Essendo quindi fondamentalmente ed essenzialmente “a-duale” (olistica), questa “philo-sophia” o “patosofia” mantiene il pensiero e la vita uniti attraverso il vincolo relazionale del Pathos. In tal caso essa può anche essere considerata un “metodo” (gr. metà-hodòs, via), ossia un percorso in itinere, un processo metamorfico, aperto e incompiuto, in cui la tensione fondamentale del binomio di Conoscenza-Amore, tende ad approfondire la ricerca interiore e al contempo ad aprire le logiche del mondo. Il testo presenta alcuni dialoghi virtuali con alcuni filosofi classici (da Filone Alessandrino al Maharal di Praga, da Socrate a Eraclito) e contemporanei (da Jung a Heidegger, a Derrida) al fine di evidenziare alcuni aspetti della visione panikkariana, capace di accogliere nell’“Altro femminile” quella “differenza impensata” della cultura occidentale che potrà, forse, ri-orientare il discorso della tradizione e della storia verso un nuovo possibile orizzonte di senso e di umanizzazione.