Sandro Scarrocchia

Sandro Angelini

Architetto in Bergamo e conservatore internazionale nel secondo Novecento

Informazioni
Collana: Architettura
2022,
ISBN: 9788857587592
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 26,00  € 24,70
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il luogo da cui partire e dove ritornare, così per Sandro Angelini come per Sandro Scarrocchia, è Bergamo, nobile patria di radicamenti necessari variamente modellati in una città, minimamente autoreferenziale, autosufficiente. L’architetto Angelini nasce a Bergamo nel 1915, figlio dell’ingegner Luigi, spalla prestigiosa di Marcello Piacentini negli anni Venti per il centro direzionale e poi autore non meno prestigioso del piano per il risanamento della Città Alta e figura complessivamente eminente di un Novecento italo-lombardo decentrato ma non periferico. Un primo Novecento ancora cruciale nella città che nel 1949 ospitò l’importante CIAM, cui parteciparono Le Corbusier e Alvar Aalto – vissuto da Sandro Angelini in prima persona – e che rappresenta l’anello di congiunzione tra la centralità ben nota della vicenda urbana di Bergamo per la storia dell’urbanistica italiana e quella meno risaputa del secondo Novecento, di cui Sandro Angelini fu certamente protagonista.La intelligente monografia che gli dedica Scarrocchia ci guida alla conoscenza della sua personalità importante e non adeguatamente conosciuta non solo in qualità di architetto progettista di pregevoli e pure originali edifici sparsi nell’intera bergamasca, ma anche come figura autorevole della tutela internazionale, in quanto architetto restauratore attivo in Etiopia, Guatemala, Nepal, America Centrale e nell’Isola di Pasqua, e instancabile promotore di iniziative artistiche e culturali fino agli ultimi giorni della sua esistenza (Bergamo 2001).

Recensioni

L'Eco di Bergamo, 02/04/2022
Sandro Angelini, l'architetto che segnò il secondo Novecento
Leggi la recensione 

L'Eco di Bergamo, 25/03/2022
Sandro Angelini, conservazione e modernità
Leggi la recensione