Heiner Mühlmann

La natura delle culture

Bozza di una teoria genetica della cultura

Informazioni
A cura di Gianluca Bonaiuti
Traduzione di Matteo Caparrini, Silvia Rodeschini
Postfazione di: Gianluca Bonaiuti
Postfazione di: Antonio Lucci

Collana: Diacronie
2022, 240 pp.
ISBN: 9788857597676
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 22,00  € 20,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

I sogni di pace coltivati nell’ultimo scorcio del XX secolo si sono infranti all’inizio del XXI. I cittadini democratici si sono abituati a vivere in un milieu atmosferico non rilassato. Lo stesso vale per coloro che vivono in regimi non democratici. Lo stress è permanente e pare che nulla sia destinato a cambiare in futuro. Tutti i progetti di pace mondiale hanno perduto plausibilità. La natura delle culture chiarisce il perché: invece di offrire una formula consolatoria a buon mercato, avvalora la tesi cultural-evolutiva di Mühlmann, secondo la quale le culture sono sempre mobilitate da fattori di stress esterni reali oppure generano esse stesse, in modo paranoico, un tipo di stress che alla fine porta a conflitti e rivolte interne o esterne. La tesi costituisce una sorta di nuova “genealogia della morale”, situata agli antipodi di un approccio umanista, che tiene conto delle più recenti conquiste nei campi delle scienze cognitive, della fisiologia dello stress e della genetica molecolare. Quello che stiamo osservando attualmente nel mondo ne è l’illustrazione più efficace.