Roberto Francavilla

Quel che il mare non vuole

Paesaggio e letteratura in Portogallo

Informazioni
Collana: Tesi/antitesi
2023, 232 pp.
ISBN: 9788857598581
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 20,00  € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
 Ebook - ePub/Mobi  € 13,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Sinossi

Fra le intenzioni di questa indagine c’è il tentativo di verificare come il rapporto fra paesaggio e letteratura in Portogallo (anche nel suo fitto dialogo con le arti: pittura e, in ambito novecentesco, fotografia) oltre a produrre una sofisticata rete semiotica e un inesauribile arsenale metaforico, si presti come campo di ricerca per comprendere la costruzione dell’identità portoghese e la sua complessa relazione con gli eventi della sua storia, con il proprio immaginario, con l’esperienza culturale di una comunità che si riconosce in quanto tale e che si racconta elaborando importanti canoni di auto-rappresentazione decidendo, a seconda dell’epoca e delle contingenze, di sovvertirli, decostruirli o, non di rado, tentare di eternizzarli.
I saggi che compongono il volume sono dedicati ai seguenti temi: la costruzione del paesaggio nell’epoca dell’Espansione e alla sua decostruzione postcoloniale; l’Oceano Atlantico come simbolo della dimensione pelagica del paese iberico; la poetica di Sophia de Mello Breyner Andersen (e in particolare all’opera “geografica” Navigazioni); l’Ode Marittima di Fernando Pessoa; le rappresentazioni di Lisbona declinate secondo i canoni dell’avanguardia modernista e in generale secondo le principali estetiche del Novecento (dalla visione di Almada Negreiros fino a L’anno della morte di Ricardo Reis di José Saramago); il paesaggio della provincia dai prodromi romantici (Almeida Garrett) al latifondo realista durante la dittatura di Salazar (José Cardoso Pires); l’estrema geografia della regione del Trás-os-Montes come allegoria del pessimismo lusitano (il “paesaggio in ombra” da Antero de Quental al progetto più recente di Susana Moreira Marques sui luoghi delle origini e sullo spazio del fine-vita).

Recensioni