Girolamo Cardano

La natività del Salvatore e l’astrologia mondiale

Informazioni
A cura di: Ornella Pompeo Faracovi

Collana: I cabiri
2002, 169 pp.
ISBN: 9788884830685
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 9,50
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Può l’astrologo prevedere il futuro del mondo, le grandi catastrofi naturali, le guerre, gli sviluppi delle vicende politiche, i mutamenti delel religioni? In accordo con la Tetrabiblos di Claudio Tolomeo, il grande tratatto astrologico dell’antichità cui dedica un puntuale commento, cardano risponde affermativamente, riservando particolare attenzione a fenomeni celesti eccezionali, come le eclissi e le comete. Con un gesto che gli attirerà molte accuse di empietà, traccia infine la genitura di Cristo, intendendo trarne la conferma astrologica della veridicità del racconto evangelico e delle straordinarie qualità del Salvatore.

 

Girolamo Cardano (Pavia 1501 – Roma 1576) fu uomo del Rinascimento, dai vastissimi interessi intellettuali. Professò la medicina e l’astrologia; si occupò di matematica, di filosofia, di filosofia della natura. Sua l’invenzione del giunto cardanico, tutt’ora in uso. In campo astrologico la sua opera maggiore è il commento ai quattro libri del Tetrabiblos di Tolomeo. Arrestato ne 1570 e processato dall’Inquisizione con l’accusa di eresia e pratiche occulte, scrisse nel 1575 la sua autobiografia, con il titolo De vita propria liber (Della mia vita).

 

Ornella Pompeo Faracovi, studiosa della storia del pensiero filosofico moderno e contemporaneo, è attualmente direttore del centro Studi Enriques. Diversi i suoi lavori sulla storia dell’astrologia.