Marco Antonio Pirrone

Approdi e scogli

Le migrazioni internazionali nel Mediterraneo

Informazioni
Collana: Eterotopie
2002, 240 pp.
ISBN: 9788884830913
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 13,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

La globalizzazione ha accresciuto le disuguaglianze tra Nord e Sud del mondo già conosciute nell’epoca dello sviluppo, determinando così conflitti, resistenze, progetti contro l’esclusione. I flussi migratori possono anche essere letti in questa ottica, progetti verso una vita migliore e una ricerca di identità e diritti negati altrove, e non solo frutto degli squilibri generati dall’accumulazione capitalista — che pure resta il problema principale dell’epoca della globalizzazione. Ma questi movimenti verso la libertà, verso una cittadinanza ricercata e non goduta, non conoscono solo approdi sulle coste mediterranee ma anche scogli, reali (quanti naufragi e quante morti in questa fuga verso la libertà!) e simbolici: intolleranza, xenofobia, esclusione, sfruttamento, controllo sociale. Comprendere meglio origine e significato delle migrazioni internazionali può contribuire a realizzare quell’universalismo di cui tutti abbiamo bisogno e che, negato ai migranti, restringe silenziosamente anche le nostre libertà e i nostri diritti.

 

Marco Antonio Pirrone, dottore di ricerca in Sociologia dello sviluppo, è attualmente assegnista di ricerca presso l’Università di Palermo, dove insegna Sociologia e Sociologia della devianza nel Corso di laurea in Servizio Sociale. Ha all’attivo diversi studi e pubblicazioni sui temi dello sviluppo in area mediterranea, nel mondo arabo-islamico e sulle migrazioni internazionali. Collabora alla rivista "Altreragioni" edita a Milano e alla rivista "Studi Emigrazione" edita dal CSER di Roma