Chiara Cappelletto

Figure della rappresentazione

Gesto e citazione in Bertolt Brecht e Walter Benjamin

Informazioni
Collana: Morfologie
2002, 108 pp.
ISBN: 9788884831002
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 11,00  € 10,45
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Uno dei paradigmi costitutivi del pensiero filosofico occidentale afferma che pensiero e visione si danno secondo il modo della rappresentazione. Tale paradigma è l'oggetto del saggio di Chiara Cappelletto, che discute uno schema della conoscenza alternativo a quello che procede per somiglianza e differenza. Il lavoro individua nell'artificio teatrale il dispositivo adatto a riconoscere i diversi momenti della genesi della forma rappresentativa, e ne esplicita le figure. Valendosi della critica teatrale di Bertolt Brecht, la cui pratica scenica è letta come espressione del pensiero di Walter Benjamin, l'esercizio filosofico viene mostrato attraverso l'esercizio scenico dell'attore: l'attore compie il gesto istitutivo e originario della rappresentazione e mostra in una figura nuova la possibilità originaria della realtà. La tesi è sviluppata chiamando in causa i principali protagonisti della tradizione filosofica, Platone, Diderot, Hegel, Bergson, Foucault, Wittgenstein, ed è sostenuta da una scrittura che, procedendo per rimandi interni, propone diversi livelli di senso e di lettura che conducono alla medesima conclusione: le figure della rappresentazione esibite dal teatro sono nuove possibilità etiche di vedere e pensare il mondo.

 

Chiara Cappelletto si è laureata in Filosofia teoretica presso l'Università degli Sudi di Milano. Attualmente è dottoranda in Filosofia presso la medesima Università, dove collabora con le cattedre di Estetica. Lavora principalmente intorno alla questione delle modalità iconiche e rappresentative dell'immagine, a partire dalla nozione di mimesis. È autrice di diversi contributi dedicati alle modalità rappresentative del teatro e della nozione di somiglianza.