Louis Althusser

L’impensato di J.-J. Rousseau

Informazioni
A cura di: Vittorio Morfino
Introduzione di: Augusto Illuminati

Collana: Althusseriana
2003, 76 pp.
ISBN: 9788884831279
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 10,00  € 9,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

In questo saggio del 1967 Althusser affronta direttamente le tematiche del Contratto Sociale, con la definizione dei successivi scarti teorici che l’articolano per contraddizioni, rimozioni e spostamenti. Alienazione (generale) contro alienazione, costituzione di una delle parti contraenti (il popolo-comunità) nel contratto, senza che gli sia anteriore, il rifiuto di un terzo garante del patto (ovvero l’interiorizzazione dell’alienazione), la restituzione come libertà dei diritti ceduti, la definizione dell’interesse generale come interesse del corpo comunitario (speculare a quello particolare come amour propre del singolo), infine l’inconcludente dialettica fra volonté générale e volonté de tous. Questa è risolubile soltanto assumendo l’interesse sotto un profilo moralistico e offrendo un supporto etico-ideologico al formalismo giuridico. Quindi costumi, educazione, feste, orientamento (condizionamento) dell’opinione, religione civile. Ma non basta. Occorre anche una pratica per la soppressione delle classi: la soluzione è una regressione economica verso la dissoluzione del modo di produzione feudale: il piccolo produttore indipendente, l’artigianato urbano o rurale. Ma come ottenere una tale regressione se non attraverso la predicazione morale, cioè l’azione ideologica. Scacco interno del Contratto sociale e simultaneo transfert nell’immaginazione letteraria: il romanzo sentimentale e quello pedagogico, l’autobiografia più o meno immaginaria delle Confessioni, il lirismo delle Passeggiate, la monologante teatralità dei Dialoghi. Non vi mancheranno religione, magia e sogni.

Louis Althusser
(1918-1990), si è imposto all’attenzione negli anni Sessanta proponendo (con i saggi raccolti in Per Marx e Leggere il Capitale) un’interpretazione filosofica dell’opera di Marx, e in particolare del Capitale, in aperta rottura rispetto alla tradizionale lettura in chiave hegeliana. Le sue posizioni hanno suscitato un acceso dibattito filosofico-politico in campo marxista. Dopo i saggi prevalentemente politici degli anni Settanta (tra cui Umanesimo e stalinismo, Elementi di autocritica), gli scritti successivi al 1980 riprendono le tematiche filosofiche ruotando intorno alla proposta del ‘materialismo aleatorio’.