Raul Prebisch

La crisi dello sviluppo argentino

Dalla frustrazione alla crescita vigorosa

Informazioni
Collana: Eterotopie
2005, 203 pp.
ISBN: 9788884832610
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 17,00  € 16,15
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

L’Argentina, per Prebisch, è un esempio significativo della crisi del capitalismo periferico come parte di un fenomeno universale di crisi delle relazioni tra i centri e le periferie del mondo. La situazione argentina è letta alla luce delle idee che stanno alla base della teoria più matura di Prebisch, quali l’idea di eccedente, di inflazione sociale e della tendenza allo squilibrio sia interno che esterno. Prebisch spiega la situazione di squilibrio interno dell’economia come conseguenza della diffusione della tecnica e delle sue contraddizioni, che sfociano nell’inflazione sociale, proveniente dalle mutazioni strutturali che avvengono all’interno della società e dallo squilibrio tra il ritmo della spesa e il ritmo degli investimenti di capitale riproduttivo.  Attraverso l’analisi e la critica delle caratteristiche strutturali delle economie contemporanee, nonché del ruolo delle imprese transnazionali, del Banco Mondiale e del FMI, Prebisch cerca di dare delle indicazioni concrete di politica economica che cerchino, attraverso la partecipazione dello Stato nello sviluppo, una nuova etica dell’appropriazione, della distribuzione e dello sviluppo stesso.  La crisi dello sviluppo argentino costituisce una sorta di testamento intellettuale di Prebisch che lo scrisse, pochi mesi prima di morire, tra il 1985 e il 1986, dopo essere tornato in Argentina per aiutare il suo paese ad intraprendere la strada dello sviluppo economico dopo quella, appena ritrovata, della democrazia politica. Le sue analisi furono sostanzialmente ignorate dalla classe dirigente argentina, ma tornano ad essere attualissime dopo l’ultima crisi economica che ha colpito il Paese alla fine del 2001.

 

Raúl Prebisch (1901-1986). Economista Argentino, ricoprì incarichi di primo piano nella definizione delle politiche economiche del suo Paese fin dagli anni Trenta, nonché nell’analisi dei problemi socio-economici dell’America Latina e più in generale del Terzo Mondo.  La sua produzione è vasta e comprende moltissimi articoli e interventi pratici, ma le sue opere più importanti sono Hacia una dinámica del desarrollo latinoamericano (1963), Capitalismo periférico. Crisis y transformación (1981) nonché la sua ultima opera, La crisis del desarrollo argentino (1986), che qui pubblichiamo.