Renato Bulzariello

Presìdi ambientalisti permaneneti

Il verdismo e le sue figure regressive. Fine di un micro mito anni Ottanta

Informazioni
Collana: Fuori collana
2004,
ISBN: 9788884832977
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 14,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Dalla lotta contro l’inceneritore di Fossoli di Carpi (MO) alla guerra in Iraq contro le forze finanziarie-politico-militari della mondializzazione forzata. L’ultimo uomo dinanzi all’inizio e alla fine. Per farla finita una volta per sempre con l’americanismo interiore.


Renato Bulzariello nasce a Melito Irpino (AV) nel 1950. Passa l’infanzia in Belgio dove il padre era emigrato per lavorare in miniera. A otto anni torna in Italia stabilendosi a Carpi, dove vive e lavora attualmente. Studioso autodidatta dagli interessi poliedrici, dopo un periodo errabondo quasi da bohémien esistenziale tra i 17 e i 25 anni, ha poi organizzato diverse iniziative culturali, dalla politica alla psicoanalisi, dalla filosofia alla poesia. Da tempo lavora attorno ad alcuni progetti in fase di pubblicazione, che sintetizzano gli aspetti positivi di Marx, Nietzsche, Freud ed infine di Klages, assunti e sviluppati in una sintesi creativa, in ciò che di loro può essere ancora valido oggi per una fuoruscita dal nichilismo imperante. Il verdismo e sue figure regressive, oltre ad essere la descrizione di una delle poche lotte ambientaliste concrete e vittoriose, durata circa 14 anni, è soprattutto un tentativo di “rifondazione” dell’ambientalismo, connettendolo a piu ampie e profonde radici esistenziali e filosofiche ed è il primo di una decina di lavori dello stesso autore, in corso di stampa.