Sandro Mancini

L'orizzonte del senso

Verità e mondo in Bloch, Merleau-Ponty, Paci

Informazioni
Collana: Itinerari filosofici
2005, 349 pp.
ISBN: 9788884833531
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Il senso e l’orizzonte costituiscono il filo conduttore dei tre percorsi critici qui proposti. Essi sono accomunati dal taglio fenomenologico dell’analisi e dall’intento di focalizzare il movimento di pensiero che si snoda negli itinerari speculativi dei pensatori rivisitati, nei quali la verità si incontra e si scontra prassicamente col mondo, finendo comunque per sopravanzarlo. La novità dell’intepretazione di Bloch è costituita dall’individuazione di due differenti filosofie della speranza che si succedono nel suo cammino, l’analisi si incentra sulla prima opera, Spirito dell’utopia, e soprattutto sull’ultima, Experimentum Mundi, di cui per la prima volta viene proposto un commento organico. Anche l’interpretazione del pensiero di Paci presenta due novità: il commento di una sua preziosa e finora trascurata opera giovanile, Principii di una Filosofia dell’Essere, e la valorizzazione dell’incontro tra fenomenologia e marxismo.

Parte prima: Sulle tracce note. Lettura di Experimentum Mundi alla luce di Spirito dell’utopia di Ernst Bloch
Parte seconda: Fenomenologia e ontologia in Merleau-Ponty. L’Essere come invisibile fodera del senso del mondo
Parte terza: Sentire la verità. Enzo Paci trent’anni dopo

Sandro Mancini è nato a Milano nel 1951. Insegna Filosofia Morale nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo. Tra le sue pubblicazioni: Socialismo e democrazia diretta. Introduzione a Raniero Panzieri (Dedalo, Bari 1977), Oh, un amico! In dialogo con Montaigne e i suoi interpreti(FrancoAngeli, Milano 1996) e, in questa collana: Umano e non-umano tra vita e storia. Lévi-Strauss, Jonas e la ragione dialettica (1996), La sfera infinita. Identità e differenza nel pensiero di Giordano Bruno (2000), Sempre di nuovo. Merleau-Ponty e la dialettica dell’espressione (2001, I ed. 1987).