Tommaso Ariemma

Fenomenologia dell'estremo

Heidegger, Rilke, Cézanne

Informazioni
Collana: Morfologie
2005, 132 pp.
ISBN: 9788884833907
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 13,00  € 12,35
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

L’estremo designa in questa ricerca filosofica non un caso limite dell’esistere, ma la sua trama immanente, il suo essere già sempre linguaggio contaminato dalla sua espressione, di volta in volta singolare. L’estremo esprime l’intreccio tra senso e singolarità, il loro stato di grazia. In un serrato confronto critico con l’opera di Heidegger, ma sottoponendo nello stesso tempo a una lettura decostruttiva anche le filosofie di Husserl e Bergson, il presente lavoro marca l’impossibilità della ricerca di un Senso assoluto in cui le singolarità restano ciò che lo deborda, ciò che vi resiste. Nell’arte, in particolare analizzando l’opera di Rilke, Rodin, Cézanne e il loro singolare intreccio, ciò che sembra l’intangibile elemento dell’esistenza diviene cosa singolare, che, lungi dall’essere ridotta a mero fatto estetico, afferra la nostra singolarità e prospetta un’etica della dedizione e della restituzione.

 

Tommaso Ariemma (Napoli, 1980) attualmente sta svolgendo un dottorato di ricerca presso la facoltà di Filosofia dell’Università degli Studi di Parma. Collabora inoltre con la cattedra di Estetica dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. È co-fondatore e direttore della rivista di filosofia, arte e letteratura “Ameba”. Ha pubblicato diversi saggi e articoli su problematiche riguardanti l’estetica, il pensiero tedesco e francese contemporaneo su riviste cartacee ed elettroniche.