Tonino Griffero

Il corpo spirituale

Ontologie «sottili» da Paolo di Tarso a Friedrich Christoph Oetinger

Informazioni
Collana: L'occhio e lo spirito
2006, 526 pp.
ISBN: 9788884834133
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 28,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Abbiamo o siamo un corpo? La domanda ha senso solo se con “corpo” si intende, oltre al provvisorio supporto materiale della vita organica, anche il punto di orientamento “estetico” del commercio col mondo e, forse, perfino una non meglio precisata materia “sottile”. La crisi del dualismo corpo/spirito provocata dalle tecnoscienze potrebbe a sua volta imparare qualcosa dall’evoluzione “carsica” del concetto di “corpo spirituale”, autentico ideale regolativo di molti saperi premoderni (non solo esoterici), da un esame cioè di alcuni dei principali modelli di ontologia “sottile”: dall’escatologia cristiana del corpo risorto, giungendo, attraverso varie metafisiche “intermediariste” (l’ochema neoplatonico, il corpo eucaristico e di Maria, il corpo astrale del paracelsismo, lo spirito della filosofia medica, imponderabili fisico-mistici come l’etere, la quintessenza alchemica, ecc.), all’organica concezione della Geistleiblichkeit di un teologo dell’età dei Lumi come Friedrich Christoph Oetinger. Ne emerge un “pluralismo ilico” che resiste alla progressiva identificazione di spirituale e incorporeo in nome di un’ontologia stratificata e carica di aspettative epistemologiche non meno che soteriologiche; non tanto e non solo dunque un’arcaica metafisica costretta alla clandestinità dal razionalismo moderno, quanto un autentico revenant del pensiero occidentale, che nel corpo spirituale ha cercato la condizione di possibilità non solo dell’interazione psicosomatica ma anche della salvezza (eventualmente pre-escatologica) dalla corruzione delle cose.

 

Tonino Griffero è professore ordinario di Estetica nella Università di Roma Tor Vergata e membro della Direzione della “Rivista di Estetica”. Tra le sue pubblicazioni (www.labont.it/griffero): Interpretare. La teoria di Emilio Betti e il suo contesto (Rosenberg & Sellier, Torino 1988), Spirito e forme di vita. La filosofia della cultura di Eduard Spranger (Angeli, Milano 1990), Senso e immagine. Simbolo e mito nel primo Schelling (Guerini & Ass., Milano 1994), Cosmo Arte Natura. Itinerari schellinghiani, (Cuem, Milano 1995), L’estetica di Schelling (Laterza, Roma-Bari 1996), Oetinger e Schelling. Teosofia e realismo biblico alle origini dell’idealismo tedesco (Nike, Segrate-Milano 2000). Immagini attive. Breve storia dell’immaginazione transitiva (Le Monnier, Firenze 2003).