Fulvio Carmagnola

Il desiderio non è una cosa semplice

Figure di agalma

Informazioni
Collana: Filosofie
2008, 222 pp.
ISBN: 9788884836359
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 16,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

Che cosa indicavano i Greci con la parola ágalma? Almeno tre grandi direzioni sematiche: quella dell’ornamento e del tesoro, quella del simulacro del divino, e quella dell’immagine informe. È Platone, nel Simposio, a conferire alla parola spessore e peso filosofico. Ma sarà Jacques Lacan, nella cultura contemporanea, che raccoglie e modifica profondamente questi significati re-inventando l’ágalma per noi, nella confluenza tra la potenza del desiderio e gli inganni dell’immaginario.
Ripercorrendo alcune delle argomentazioni di Lacan questo libro traccia ulteriori direzioni di sviluppo e amplifica l’elevata densità che il termine racchiude anche nelle deviazioni che suggerisce. Ragionare su ágalma è ragionare sul modo in cui l’immaginario e il desiderio si intersecano nelle nostre vite, per comprendere l’immaginario al di fuori delle retoriche insopportabili che ce lo impongono come costrizione alla creatività, come must dell’epoca postindustriale dei “beni simbolici” e dei processi di valorizzazione pervasivi, come parola magica del paradiso delle merci. Il tutto per restituire al termine ágalma il carattere problematico di evento da pensare, di enigma e di domanda, ma forse anche di illusione vitale.

 

Fulvio Carmagnola insegna Estetica all’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Tra le sue ultime pubblicazioni: Plot, il tempo del raccontare nel cinema e nella letteratura (Meltemi, Roma 2004); Synopsis. Introduzione all’educazione estetica con Marco Senaldi (Guerini e Associati, Milano 2005); Il consumo delle immagini. Estetica e beni simbolici nella fiction economy (Bruno Mondadori, Milano 2006).