Differenza e alterità

Derrida tra etica e politica

Informazioni
Collana: Babel parole della filosofia
2008, 224 pp.
ISBN: 9788884837233
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 18,00
Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile Momentaneamente non disponibile
Sinossi

La grande esperienza di pensiero che si è chiusa con la morte di Jacques Derrida si apre destinandoci tutte le questioni ancora irrisolte. Quelle che si collocano tra condizionato e incondizionale, tra un passato ancora da decostruire e un a-venire ancora da inventare, affidandocele come una “pesante” eredità, che porta indelebili le tracce della différance, ma che progressivamente si espone all’alterità in relazioni sempre più complesse. Le tematiche affrontate nel volume si annodano intorno ad Amicizia e ospitalità per sciogliersi poi in una sorta di Elogio della ragionevolezza, che prende forma nel confronto più diretto con tante questioni, solo apparentemente minori, nelle quali torna d’attualità confrontarsi con le eredità maggiori della nostra tradizione, che costituisce un patrimonio, una riserva inesauribile da cui attingere sollecitazioni a ricercare possibili soluzioni.


Claudia Dovolich, professore associato di Filosofia morale presso il dipartimento di Filosofia dell’Università Roma Tre, si interessa alle questioni del senso e del soggetto come scaturiscono dalle analisi di Nietzsche, Freud e della fenomenologia ermeneutica. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Essere-in-comune-tra-singolarità (2004), Decostruzione versus ermeneutica (2006), Per amore di giustizia (2008).