Francesco Borgia

Appartenenza e alterità

Il concetto di storicità nella filosofia di Martin Heidegger

Informazioni
Collana: Filosofie
2009, 120 pp.
ISBN: 9788884837707
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 12,00  € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Il problema della storia costituisce una delle questioni più importanti del pensiero heideggeriano, attorno alla quale l’individuo, l’arte, il linguaggio, la tecnica diventano elementi di una meditazione essenziale. Il libro intende rileggere tale nodo cruciale, delineando il passaggio dalla storia dell’Esserci, legata alla temporalità finita dell’uomo, alla storia dell’Essere che domina la filosofia del secondo Heidegger. Accanto alle rotture epocali determinate dal destinarsi dell’Essere non potranno mai venir meno il ruolo e la responsabilità fondamentali dell’uomo nell’indirizzare il proprio destino. Appartenenza e alterità, come segni di quell’enigmaticità ontologica che caratterizza l’essere storico dell’individuo, sono le categorie per pensare la sua finitezza accanto a quell’apertura di senso dispiegata dalla sempre innovativa, mai garantita, progettualità umana.

 

Francesco Borgia (Roma,1976) si è laureato in filosofia all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e ha conseguito il dottorato di ricerca in “Scienze Bioetico-giuridiche” presso l’Università degli Studi di Lecce.  Ha collaborato a riviste quali “Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto”, “L’Arco di Giano”, “Il Cannocchiale”. Per le edizioni Mimesis ha pubblicato L’uomo senza immagine. La filosofia della natura di Hans Jonas (2006).