Coscienza e potere

Narrazioni attraverso il mito

Informazioni
Collana: Eterotopie
2009, 158 pp.
ISBN: 9788884839084
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 15,00  € 14,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Questo libro prende spunto dal seminario Il mito come evento ciclico nella cronaca del quotidiano. Coscienza e potere svoltosi a Palermo nell’ottobre del 2008. Intorno a questioni di centrale rilevanza, quesiti e situazioni che chiamano in gioco l’uomo nella sua essenza, interrogativi che dividono perché mettono a confronto posizioni radicali, il testo interroga i drammaturghi del passato cercando di individuare, nei miti da loro messi in scena, forme di attualizzazione e/o elementi di radicale alterità con la nostra esperienza quotidiana.  I personaggi di Antigone ed Ecuba rappresentano, in tal senso, figure emblematiche per esplorare, attraverso una prospettiva letteraria, socio-giuridica e comunicativa, il nesso che lega sapere e potere, il conflitto tra dimensione individuale e assetto giuridico, il rapporto tra soggettività e coscienza collettiva. Un cammino a ritroso, per rilanciare nel dibattito contemporaneo questioni etiche fondamentali, spesso trascurate dai nostri modelli imperfetti di democrazia.

 

Alessandra Dino è docente di Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale presso l’Università degli Studi di Palermo. Studiosa dei fenomeni criminali di tipo mafioso, ha applicato il metodo di studio etnografico all’analisi dei processi simbolici e all’osservazione delle trasformazioni interne alla mafia siciliana. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Symbolic Domination and Active Power: Femal Roles in Criminal Organizations (New York, 2007); La mafia devota. Chiesa, religione, Cosa Nostra (2008); Sistemi criminali e metodo mafioso (con L. Pepino) (2008).

 

Licia A. Callari è ricercatrice all’Università di Palermo presso la Facoltà di Scienze della Formazione, dove insegna Teatro e drammaturgia dell’antichità. Studiosa del mondo classico, ha sviluppato l’interesse per ogni forma di spettacolo dell’antichità classica e per il teatro greco e latino. Tra le sue pubblicazioni: Donne di spettacolo nella Roma antica; Il rito arcaico: interpreti, spettacolarità e spettacolarizzazione; Tempus erat tempus est – Un’epoca del quotidiano.