Alice Pugliese

Unicità e relazione

Intersoggettività, genesi e io puro in Husserl

Informazioni
Collana: Itinerari filosofici
2009, 468 pp.
ISBN: 9788884839695
Opzioni di acquisto
 Edizione cartacea  € 35,00  € 33,25
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Quali sono i processi intenzionali che mi autorizzano a distinguere l’esperienza dell’altro dall’esperienza in cui mi si dà una cosa? Quali sono le condizioni necessarie di tale esperienza? Queste domande caratterizzano le analisi husserliane come analisi trascendentali e si offrono come filo conduttore per questo studio dei manoscritti dedicati al problema dell’intersoggettività. Tenendo fermo questo filo e seguendolo attraverso le molte articolazioni dei materiali inediti – dal 1905 fino alla metà degli anni Trenta – il libro tocca i temi centrali della fenomenologia. La varietà di descrizioni del fenomeno intersoggettivo testimoniata dal Nachlass husserliano rivela così, pur nella sua asistematicità, un progetto comune: render conto dell’irriducibilità dell’esperienza, descriverla nelle sue molteplici stratificazioni e rintracciare in essa delle strutture permanenti. Per rispondere al problema del solipsismo si devono ripensare allora le condizioni dell’individuazione dell’io, rintracciandone la genesi nell’autocostituzione dell’io stesso, ma anche nei suoi scambi intersoggettivi. Emerge così una correlazione inesausta e necessaria tra coscienza, mondo e alterità in cui si esprime la peculiare individuazione di ciascun soggetto. Da qui prendono le mosse, a partire dagli anni Venti, le ricerche della fenomenologia genetica che mettono a tema la genesi collettiva della storia, del mondo della vita, della socializzazione degli istinti, oggetto della seconda parte del libro. La questione chiave della fenomenologia, la correlazione vivente e costitutiva tra la coscienza e il mondo, si amplia qui nell’interrogazione dei fenomeni dell’istinto e della socialità originaria e concreta.

 

Alice Pugliese (Palermo, 1979) si è laureata in Filosofia all’Università di Palermo dove ha anche conseguito il Dottorato di Ricerca in Filosofia, collaborando stabilmente con l’Archivio Husserl di Colonia. Nel 2008 è stata borsista della Fritz-Thyssen-Stiftung. Dal 2009 è Assegnista di Ricerca presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo e prosegue la sua collaborazione con l’Università di Colonia. Ha pubblicato nella collana Itinerari Filosofici di Mimesis La dimensione dell’intersoggettività. Fenomenologia dell’estraneo nella filosofia di Edmund Husserl (2004) e su “Husserl Studies” Triebsphäre und Urkindheit des Ich (2009).